de Magistris e Università: in rete per crescere

Sabato delle Idee 2011: Napoli da riscattare, talvolta colpevole, Napoli internazionale e città dei giovani.

Napoli da riscattare, talvolta colpevole, Napoli internazionale e città dei giovani. Di questo si è parlato durante l’ultimo incontro dell’edizione 2011 del “Sabato delle idee” dal titolo “Università e Ricerca come motore dello sviluppo economico e della crescita internazionale di Napoli e della Campania”.

La rassegna, promossa dall’ Università Suor Orsola Benincasa e dalla Fondazione SDN e giunta alla sua terza edizione, ha visto in quest’ultimo sabato la partecipazione fitta e appassionata di tutto il comparto universitario della Campania e del neo Sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

“Non parleremo di crisi dell’università, riforma e fuga dei cervelli (un ragazzo su tre va via da Napoli!) ma di come creare una rete sinergica per costruire una Napoli diversa” Massimo Milone, Caporedattore della RAI al tavolo con il collega Salvo Sapio de Il mattino, ha aperto con queste parole il dibattito coinvolgendo di volta in volta tutti i Rettori campani (unico assente Rossi, rappresentato dal pro rettore De Rosa), il direttore dell’Accademia di Belle Arti di Napoli e il Presidente del Conservatorio.

Quando la casa brucia, e la nostra casa comune è la città, diventa difficile parlare di futuro. Eppure dobbiamo pensare a questo: al dialogo pensando anche al mediterraneo” le parole di Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa.

“Prima Napoli era punto obbligato di studio per i giovani, oggi questo non avviene più. E’ opportuno coagulare le eccellenze magari tramite strutture straniere perché Napoli torni ad essere città dei giovani” il commento del fondatore della Fondazione SDN, Marco Salvatore.

Nabila Zayata, giornalista tunisina esperta di relazioni internazionali con i paesi del Mediterraneo impegnata a Napoli in un dottorato di ricerca e accompagnata teneramente dalla figlia offre il suo contributo: “Per il mediterraneo Napoli è sempre stata percepita come città capitale dell’Italia ed oggi è chiamata a riconquistare questo ruolo importante. E’ arrivato il momento di investire sul capitale umano, che sia colto e specializzato”.

“Il mio messaggio in giro è che Napoli è città aperta – dice il Sindaco nel suo intervento – di fronte al federalismo odioso dobbiamo raccogliere la sfida di cooperare ma anche diventare autonomi sul piano delle risorse. Amici Rettori, se siamo arrivati a questo non è solo colpa della politica – tuona de Magistris – finiamola con la stagione delle deleghe, è importante il protagonismo di uomini e donne. Abbiamo tutte le possibilità di farcela, fuori orgoglio, carica e energie positive”.

Il dibattito continua, l’economista Sergio Sciarelli accusa: “la cultura e l’economia devono andare d’accordo. La città è sotto la cappa dell’economia illecita: è per l’immondizia dei valori che non vengono a Napoli! Con il nuovo sindaco speriamo in una pagina nuova”.

L’Assessore regionale all’Università e Ricerca Guido Trombetti ricorda il progetto, con l’assessorato al lavoro, dei dottorati di ricerca in azienda. Un investimento regionale di nove milioni di euro per sostenere giovani, piccole e medie imprese e soprattutto promuovere nuovi atteggiamenti”.

Ivana Berriola

Total
0
Shares
1 comment
  1. “Il Sabato delle Idee”: una mattinata ben spesa per un convegno/incontro utile all’analisi della situazione napoletana. Tante le riflessioni puntuali e gli stimoli per un futuro migliore e coinvolgente per un territorio ed una popolazione in evidente arretramento culturale ed economico. Auspico che si tenga conto delle considerazioni effettuate, ben sintetizzate dall’ottimo articolo di Ivana Berriola. E’ opportuno che le stesse si tramutino in fatti e comportamenti concreti per il bene della città e dell’intero Mezzogiorno.
    Mi auguro che “Il sabato delle Idee” non si fermi e prosegua nel suo cammino con i suoi apprezzabili, lungimiranti contributi.
    Sàntolo Cannavale
    [email protected]

Lascia un commento
Previous Article

Scuola e Comune, progetti e idee

Next Article

La marcia del maturando

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".