d’Alessandro alla guida del Suor Orsola Benincasa

Lucio d’Alessandro neo Rettore del Suor Orsola Benincasa in un’intervista rilasciata al Direttore del Corriere dell’Università, Mariano Berriola.

“Il nostro è un ateneo in cui il compito principale è mantenere l’altezza di una lunghissima tradizione”. Queste le parole di Lucio d’Alessandro neo Rettore dell’Università degli studi di Napoli Suor Orsola Benincasa nell’intervista rilasciata al Direttore del Corriere dell’Università, Mariano Berriola.

Tra le linee guida di d’Alessandro, occupano un posto di primissima importanza l’internazionalizzazione e il potenziamento della ricerca scientifica, inoltre, la costituzione di un settore di vita istituzionale e la costruzione di basi che rendano l’università un luogo centrale, un vero network territoriale in termini di ricerca, formazione e sostegno ai giovani.

Uno degli obiettivi principali del mio impegno – ha continuato d’Alessandro – sarà, inoltre, il potenziamento del ruolo decisivo che l’Università può e deve recitare nello sviluppo e nel rilancio del nostro territorio”. A tal proposito non è mancata una riflessione sulla recente elezione a Sindaco di Luigi de Magistris. Il Rettore ha affermato: “de Magistris ha suscitato grande entusiasmo tra i giovani ed è proprio a loro che deve dare qualcosa di speciale”.

Per guardare l’intervista integrale clicca qui.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Senti chi ricerca, i ricercatori in onda sulle web radio universitarie

Next Article

Ritorna il premio Ilaria Alpi

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"