Dal Miur 10 mnl alla Cà Foscari di Venezia

È di 7,5 milioni di euro l’attivo con cui l’università Cà Foscari di Venezia chiude il bilancio del 2010, con una previsione di oltre 5 milioni di attivo per il 2011. Lo ha reso noto oggi il rettore Carlo Carraro, sottolineando che il Ministero dell’istruzione, università e ricerca ha assegnato a Cà Foscari oltre 10 milioni di euro di premio incentivi per la qualità di ricerca e didattica (+20,1% rispetto allo scorso anno), ponendo così «improvvisamente» l’ateneo veneziano al secondo posto nella classifica nazionale dopo il Politecnico di Torino.

È di 7,5 milioni di euro l’attivo con cui l’università Cà Foscari di Venezia chiude il bilancio del 2010, con una previsione di oltre 5 milioni di attivo per il 2011. Lo ha reso noto oggi il rettore Carlo Carraro, sottolineando che il Ministero dell’istruzione, università e ricerca ha assegnato a Cà Foscari oltre 10 milioni di euro di premio incentivi per la qualità di ricerca e didattica (+20,1% rispetto allo scorso anno), ponendo così «improvvisamente» l’ateneo veneziano al secondo posto nella classifica nazionale dopo il Politecnico di Torino.

«Nonostante i tagli ministeriali – ha osservato Carraro -, che sono stati di 5 milioni nel 2010 ed altrettanti nel 2011, Cà Foscari ha dimostrato che si può operare», guadagnando in efficienza e applicando una migliore gestione delle spese; i risultati ottenuti, ha rilevato, consentiranno inoltre di «affrontare senza patemi gli ulteriori tagli previsti per il biennio 2012-2014 e rispondendo con una serie di servizi che migliorano la qualità dell’offerta».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Congiungere la diversità

Next Article

Ordine degli ingegneri, in Aquila si ricostruisca senza le Università

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".