Covid, la ricerca dell'Istituto tumori di Milano: "Virus in Italia già a settembre 2019"

Doctor pulmonologist take care of the human lungs against the backdrop of flying COVID-19 viruses. Pneumonia caused by a complication from coronavirus. Diagnosis of the treatment of pneumonia.

Secondo una ricerca dell’Istituto dei tumori di Milano e dell’università di Siena, il coronavirus sarebbe già stato presente in Italia a settembre 2019. Lo studio, che ha come primo firmatario Giovanni Apolone, direttore scientifico della struttura milanese, è stato pubblicato sulla rivista Tumori Journal dello stesso Istituto. Massimo Galli, direttore di Malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano, rimane cauto: “Vediamo di avere delle conferme reali sulla caratteristica di questi anticorpi. È veramente difficile pensare, anche sulla base degli studi filogenetici disponibili, che il virus sia così vecchio nell’uomo”.

Si sono analizzati i campioni di sangue di 959 persone, provenienti da tutta Italia, che avevano partecipato agli screening per il tumore al polmone tra settembre 2019 e marzo 2020, realizzati per monitorare la data di insorgenza, frequenza, variazioni temporali e geografiche di tale neoplasia nelle regioni italiane. L’obiettivo dell’analisi sui campioni era verificare la possibile presenza di “anticorpi specifici del dominio di legame del recettore Sars-Cov-2 (Rbd)”. A quanto risulta dall’indagine, 111 persone su 959 – ossia l’11,6%, tutte asintomatiche – avrebbero avuto gli anticorpi al coronavirus. Tra questi, il 14% già a settembre 2019 e il 30% nella seconda settimana di febbraio 2020. Il 53,2% delle 111 persone proveniva dalla Lombardia.

All’agenzia Ansa, Giovanni Apolone – direttore scientifico dell’Istituto tumori di Milano – ha spiegato che, secondo la ricerca, a settembre 2019 il Sars-Cov-2 era presente nei campioni di pazienti residenti in 5 regioni diverse (Veneto, Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia e Lazio). Nell’analisi complessiva dei campioni da settembre a marzo, spiega, “i test sierologici ci hanno mostrato la presenza” di almeno “un caso positivo in 13 regioni” (Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna). “Le analisi condotte dai colleghi dell’università di Siena, che hanno lavorato con noi, hanno identificato la presenza di anticorpi neutralizzanti in vivo, cioè ancora capaci di uccidere il virus, in 6 persone su 111, di cui 4 già a ottobre”, aggiunge.

Sarebbero due i picchi di positività emersi per gli anticorpi: il primo tra la fine di settembre e la seconda-terza settimana di ottobre, il secondo nella seconda settimana di febbraio. Lo studio, viene spiegato, “mostra un’inaspettata circolazione molto precoce di Sars-CoV-2 tra individui asintomatici in Italia diversi mesi prima dell’identificazione del primo paziente, e chiarisce l’insorgenza e la diffusione della pandemia di malattia da coronavirus 2019 (Covid-19)”. Massimo Galli, direttore di Malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano, rimane cauto sui risultati della ricerca. “Vediamo di avere delle conferme reali sulla caratteristica, la natura di questi anticorpi – ha spiegato al programma L’aria di domenica su La7 -. È veramente difficile pensare, anche sulla base degli studi filogenetici disponibili, che il virus sia così vecchio nell’uomo. Se lo fosse, la domanda è: ‘Come mai non ha creato molto prima una serie di focolai epidemici?’. È un virus esplosivo: quando arriva in ospedale, fa decine di infezioni se non lo gestisci. O è qualcosa di diverso e dal mondo animale ci può arrivare qualsiasi cosa in qualsiasi momento… ma che si parli di questo virus in termini così forti di anticipazione, francamente uno si pone una domanda”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miozzo (Cts): "Non preoccupiamoci del Natale ma di riaprire le scuole"

Next Article

Approvato il testo della legge di bilancio: 165 milioni per borse di studio, 8 dad, 400 per vaccino anti covid

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".