Cosa fare per entrare alla Columbia University of New York

Nelle aule della Columbia University di New York hanno insegnato Franklin Roosevelt e Barack Obama, premi Nobel tra cui il fisico Enrico Fermi, scrittori come Jack Kerouac, contribuendo a rendere questa università una delle più illustri e famose al mondo.

L’Università ha più di 100 programmi accademici e accoglie studenti da ogni parte del mondo, ma il processo di selezione segue dei criteri molto restrittivi, per questo occorre prepararsi con largo anticipo. 

Le domande di ammissione devono includere:

– Informazioni autobiografiche;
– Elenco e descrizione dei risultati ottenuti dallo studente, delle sue attività, del lavoro e delle sue esperienze estive;
– Un saggio personale in cui il candidato si presenta;                                              – Un diploma di scuola superiore;
– La raccomandazione di un consulente scolastico;                                                – La certificazione che attesta la conoscenza della lingua inglese, necessaria nella maggior parte dei corsi per i quali si inoltra la domanda.

È previsto inoltre che i candidati autodenuncino il punteggio a uno dei due test standardizzati:

– L’esame SAT (Scholastic Assessment Test), un test riconosciuto in tutte le università americane che valuta il livello di conoscenza dello studente in ambito scolastico;                                                                                                            – L’esame ACT(American College Test), un esame di qualificazione richiesto ai diplomati delle scuole superiori per l’ammissione ai programmi undergraduate presso le università negli Stati Uniti.

Le domande vanno presentate entro il 31 dicembre (oppure entro l’1 novembre nel caso di “early decision” o di indirizzi specifici come le medical school). Le risposte si ricevono entro aprile e l’adesione va confermata a maggio, così che la trascrizione ufficiale degli studenti ammessi vien resa nota a fine giugno. I membri volontari del Columbia’s Alumni Representative Committee, oltre a selezionare gli Student Interviewers, conducono i colloqui per le ammissioni.

Come si legge sul sito, a causa degli impatti in continua evoluzione associati alla pandemia COVID-19, i colloqui saranno virtuali (via telefono o video chat) per il ciclo di candidatura 2020-21. I membri del Comitato di Rappresentanza degli Alumni contatteranno i candidati solo dopo l’invio di tutto il materiale di candidatura alla Columbia. Poiché i volontari sono un numero limitato, non sarà possibile concedere i colloqui a tutti i candidati, ma coloro cui non verrà offerto non sono in alcun modo svantaggiati nel processo di ammissione

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università Bicocca, tamponi gratis per studenti e dipendenti

Next Article

Arriva Nash Arpetta, le sciarpe limited edition dei licei di Roma

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".