Corso Normale per un futuro eccezionale

rovereto.jpgA Rovereto 100 ragazzi parteciperanno al 59° corso di orientamento promosso dalla Scuola Normale di Pisa e dall’Università di Trento. Dal 29 agosto al 4 settembre, una settimana di lezioni e di scoperte attende un centinaio fra i più promettenti e i più motivati studenti delle scuole superiori d’Italia ed estere.
Il corso, promosso con il contributo di Telecom Progetto Italia, sarà per loro un’occasione unica per confrontarsi con studiosi e professionisti al vertice nei loro rispettivi settori e per decidere del proprio futuro.
Una settimana per imparare, scoprire, decidere cosa fare da grandi. È quella che la Scuola Normale Superiore di Pisa e l’Università di Trento offrono, nella cornice di Rovereto, a oltre un centinaio fra gli studenti più bravi del Paese e di alcune scuole estere.
Obiettivo dei corsi della Normale è valorizzare studentesse e studenti, sviluppando le loro aspirazioni e mettendoli a contatto con persone ed esperienze di successo nei diversi campi del sapere e delle professioni, nel mondo dell’università, della ricerca, delle istituzioni e delle aziende.
La settimana di orientamento si articola in lezioni e momenti di confronto con i docenti invitati dalla Normale e seminari con i ricercatori della Scuola in cui i ragazzi potranno confrontarsi con esperienze diverse e percorsi di ricerca negli ambiti più disparati, dalla filosofia all’astrofisica, dall’architettura alla matematica, dalla letteratura greca alle nanoscienze.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Organizzatore di eventi per il settore turistico

Next Article

Stage in Autogrill

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"