Corsi di laurea: come si entra

Scelto il corso di studi, dovrete informarvi sulle modalità di accesso. Non esiste un’unica forma di entrata all’università. Dipende dal tipo di corso di laurea, di facoltà/dipartimento e di ateneo. Sono quattro le principali modalità di accesso alle facoltà e ai corsi di laurea: numero programmato a livello nazionale (test di ingresso, le cui date sono stabilite dal Ministero dell’Istruzione); numero programmato a livello locale (ogni facoltà e/o dipartimento stabilisce le date per il test di ingresso e i posti disponibili, tramite bando); numero libero con test valutativo a livello locale- VPI (il test non ha valore vincolante, ma definisce eventuale carenze formative che andranno recuperate durante il primo anno di iscrizione universitaria); numero libero (accesso diretto, senza alcuna prova di verifica o valutativa).
TIPOLOGIE DI ACCESSO
TEST DI VALUTAZIONE DELLA PREPARAZIONE INIZIALE (VPI): prova obbligatoria, non vincolante ai fini dell’immatricolazione, per la verifica delle conoscenze. I termini e le modalità di partecipazione sono stabiliti, dai singoli atenei, tramite bando. Per recuperare gli eventuali debiti, si svolgeranno entro il primo anno alcune attività supplementari, indicate con l’acronimo OFA (Obblighi Formativi Aggiuntivi). È possibile partecipare a più prove, a meno che, chiaramente, non si svolgano contemporaneamente. Le prove sono di solito costituite da domande a risposta chiusa, raggruppate per argomenti e il sistema di somministrazione può essere su supporto cartaceo oppure on-line. Corsi che possono richiedere la verifica delle conoscenze: Lettere e Filosofia – Ingegneria- Statistica – Scienze naturali – Matematica e Fisica – Scienze Sociali
TEST AD ACCESSO PROGRAMMATO A LIVELLO LOCALE
Questa tipologia di prova è stabilita a livello locale, vale a dire, dalle singole facoltà/dipartimenti che ogni anno, emanano un bando di partecipazione relativo ad un determinato corso di laurea, con la descrizione dei conoscenze richieste ed il numero di studenti previsto. Superata la prova, ci si colloca in graduatoria, rispetto al numero di posti previsto, e vanno completate le procedure di immatricolazione entro i termini previsti dal bando. Per ogni corso di laurea, va verificato il bando emesso dalle singole facoltà/dipartimenti. Corsi che di solito richiedono l’accesso programmato a livello locale: Architettura – Economia – Scienze Farmacologiche – Lettere e Filosofia – Ingegneria – Scienze Sociali
TEST DI INGRESSO A NUMERO PROGRAMMATO A LIVELLO NAZIONALE
I test di ingresso a numero programmato a livello nazionale, sono stabiliti dal Miur con cadenza annuale e riguardano esclusivamente i seguenti corsi di laura magistrale a ciclo unico: Medicina Odontoiatria; Medicina Veterinaria, Professioni Sanitarie; Architettura; Scienze della Formazione Primaria.
 
Riportiamo di seguito i test di ingresso relativi alle università statali che hanno una data unica nazionale.
MEDICINA ODONTOIATRIA PROTESI DENTARIA: 3 Settembre 2019 VETERINARIA: 4 Settembre 2019
ARCHITETTURA: 5 Settembre 2019
PROFESSIONI SANITARIE: 11 Settembre 2019
SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA: 13 Settembre 2019

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Prevenzione dell’uso di droga in età scolare. Attuazione del Protocollo tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Miur

Next Article

Croce celtica sui muri della scuola. Il prof la copre con un arcobaleno

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa