Corregge un alunno, prof aggredita dai genitori

prof aggredita a scuola

Prof aggredita Vanno infuriati a scuola, e pretendono di parlare con l’insegnante d’italiano di loro figlio per chiedere spiegazioni. La docente, pur facendo presente alla Preside di non essere in orario di ricevimento, viene invitata ad ascoltarli comunque.

I fatti in una scuola del sud. La  malcapitata si è vista letteralmente aggredire dai genitori di un suo alunno al quale, qualche giorno prima, aveva detto di fronte alla lettura di un compito: “Questo non è farina del tuo sacco”.

Un’affermazione che avrebbe particolarmente turbato i due genitori che, avuta la notizia, hanno deciso di correre a scuola e pretendere spiegazioni da parte della prof.

Ma dalle spiegazioni si è passato presto agli  insulti e alle minacce tanto che lo stesso alunno, assistendo alla discussione assai accesa, avrebbe chiesto ai genitori di smetterla di inveire contro l’insegnante. Prima di andar via, il papà del ragazzino avrebbe minacciato la prof dicendo: “Io sono un sottoufficiale di polizia, la rovino”.  Affermazione che ha lasciato ancora più perplessa l’insegnate che avrebbe timidamente replicato: “Mi meraviglio, lei dovrebbe far rispettare la legge e invece…”.

Giorni dopo la prof decide di sporgere denuncia. Appresa la notizia, i genitori del ragazzino sono tornati a scuola per domandare scusa all’insegnante e chiederle di ritirare la querela. “Questo episodio mi comprometterebbe la carriera” – avrebbe spiegato il papà dell’alunno.

Ora la prof non ha ancora deciso se perseguire la via giudiziaria tutelando i suoi diritti e quelli degli altri prof suoi colleghi, o se perdonare i genitori e dimenticare l’accaduto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Parkinson e cefalea: la svolta italiana

Next Article

Super-laureati in Cattolica: donne battono uomini 13 a 1

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.