Coronavirus e università, a Padova webcam e foto per gli esami scritti

Lo studente si piazza davanti alla webcam del computer (o alla telecamera dello smartphone) per farsi riconoscere e mostrare che sta facendo il compito senza copiare. Quindi, fotografa la prova e la spedisce al professore. Non è fantascienza ma quanto accadrà nei prossimi giorni agli studenti dell’Università di Padova che dovranno sostenere un esame scritto: l’emergenza coronavirus e la conseguente sospensione di tutte le attività fino a domenica 15, infatti, ha spinto l’ateneo a escogitare un modo per garantire il regolare svolgimento di tutte le prove, comprese quelle che non contemplano il confronto orale col docente.

Dopo la prima settimana di chiusura, il Bo si è ritrovato a dover smaltire circa 1.200 esami, per un totale di ventimila studenti iscritti; il punto di riferimento è Zoom, una delle due piattaforme utilizzate anche per la didattica a distanza. Per quanto riguarda le prove orali, il meccanismo è piuttosto semplice: lo studente non deve far altro che collegarsi all’ora concordata, mostrare il volto e un documento di riconoscimento e iniziare la discussione, con gli occhi sempre fissi sulla telecamera per non destare sospetti al docente dall’altra parte dello schermo. Per quanto riguarda gli scritti, l’ateneo ha chiesto di convertirli in orali ma la peculiarità di alcune prove non rende sempre possibile questa soluzione. E così è nata l’idea di fare gli esami scritti in diretta video: «Zoom consente al docente di dividere lo schermo in venti finestre, e quindi di visualizzare venti studenti in simultanea – spiega il prorettore alla didattica Daniela Mapelli – lo studente dà il consenso a essere filmato e posiziona la telecamera in modo da mostrare il volto e la mano che scrive sul foglio, poi quando finisce firma il compito, fa una foto e la spedisce. Il docente inoltre può conservare la registrazione per 48 ore, così può verificare che tutto si sia volto regolarmente».

corriere.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, ho fatto la prima lezione online. Senza studenti è triste, ma il finale è a sorpresa

Next Article

Coronavirus. E-learning a Scuola

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.