Concorsopoli, i baroni intercettati: “Ritira quei due medici tuoi. Poi calici di Dom Perignon”

Nel fascicolo di Milano sono indagati il rettore della Statale Franzini e quello del San Raffaele Gherlone per turbata libertà nella scelta del contraente

“Siccome c’è anche l’altro in ballo… cioè non vorrei interferenze spiacevoli sulle due procedure…”, è una frase dell’ennesima concorsopoli italiana. Il rettore della Statale, Elio Franzini, chiama il pari grado del San Raffaele, Enrico Gherlone. È preoccupato perché al concorso bandito dalla Statale per un posto di Urologia all’ospedale San Paolo, ci sono ancora due candidati che non si sono ritirati. Rischiando così di far saltare gli accordi: piazzare il docente Bernardo Maria Cesare Rocco al San Paolo avrebbe dato via libera alla vittoria dell’altro professore, Luca Carmignani, al posto bandito a Urologia al San Donato.

La “Concorsopoli” della Statale

È solo uno degli esempi delle presunte trattative sui concorsi, scambi e pressioni che emergono nell’inchiesta dei pm di Milano, Carlo Scalas e Bianca Maria Baj Macario, coordinati dall’aggiunto Maurizio Romanelli, che indagano sulla Concorsopoli alla Statale di Milano: un nuovo caso dopo le interdittive e gli arresti di primari e medici a all’università di Palermo e dopo il caso di Firenze.

Nel fascicolo di Milano sono indagati i due rettori, Franzini e Gherlone, per turbata libertà nella scelta del contraente. E altri tre docenti (l’urologo dell’università di Firenze Marco Carini, l’altro urologo e ordinario al San Raffaele Francesco Montorsi, e il direttore del dipartimento di Scienze della Salute in Statale, Stefano Centanni) anche per corruzione. Per i carabinieri del Nas, “la conversazione non solo confermava l’esistenza di un sistema illecito ben consolidato all’interno dell’università degli Studi di Milano e degli atenei nazionali, bensì permetteva di accertare il pieno coinvolgimento dello stesso rettore Elio Franzini”.

Franzini al telefono


Al telefono Franzini, “senza alcun freno inibitorio – scrivono gli investigatori – chiedeva espressamente al collega Gherlone di far ritirare i candidati Francesco Montorsi e Alberto Briganti, entrambi ordinari di Urologia al San Raffaele di cui Gherlone è Rettore”. “Ecco… perché… – esordisce Franzini – due tuoi professori non si sono mica… sono ben presenti all’interno del concorso…”. Gherlone pare sorpreso. “E chi sono?” chiede. “Montorsi – dice Franzini – e quell’altro che si chiama… Briganti…”. “Eh… si si… va bene…”, abbozza Gherlone. “Ecco… e siccome c’è l’altro (concorso, ndr.) in ballo, cioè non vorrei interferenze spiacevoli… sulle due procedure… – insiste Franzini – (…) Perché no… non si è ritirato sostanzialmente come aveva promesso”.


Il riferimento è a Montorsi, ancora in gara per il posto al San Paolo. “Ecco, hai capito il discorso? – dice ancora Franzini – . Che lui può vincere senz’altro, però poi…”. Parte subito dopo un frenetico scambio di sms. “Tutto a posto – scrive alla fine Montorsi a Franzini – . Abbraccione”. Poi il rettore della Statale informa Centanni che il problema è stato risolto. “Vabbè, quindi a questo punto direi che la faccenda si è sistemata io stasera proporrò al “Papa” di vederci”. Per gli investigatori, il “Papa” è il presidente della commissione Marco Carini, primario ed ex direttore del dipartimento oncologico a Firenze, coinvolto nell’inchiesta sulla Concorsopoli fiorentina, e raggiunto da una misura interdittiva a maggio del 2021.

Il “Papa” presidente della commissione


“A questo punto direi che siamo a posto…”, dice Centanni. “Sì, direi che siamo a posto… – risponde il rettore della Statale – . Tutto il resto sono minuzie…”. Infatti Montorsi informa via sms Gherlone di aver inviato la rinuncia alla candidatura, così come farà anche Briganti. L’8 ottobre 2021, quando viene pubblicato l’elenco dei candidati “emergeva che non erano più dieci, ma sei”. “Continuano a ritirarsi esseri umani – dice Franzini in un’altra telefonata a Centanni – altri tre oggi, dello stesso ospedale, e poi altri due, per cui sono quattro in meno. Non so se tu hai parlato con il “Papa” però vabbè.. possiamo stare assolutamente tranquilli”.

“È finita lì, un bel brindisi”. Nei giorni successivi Centanni e Franzini continuano a comunicare. “Nel frattempo mi ha mandato un messaggio il “Papa”: è rimasta una macchina sola in pista – dice Centanni – . E lui mi ha detto “sì, perché sarebbe bellissimo chiudere tutte e due le gare insieme”. E io gli ho detto “sì, perché a questo punto facciamo una grande festa””. Il gruppo ha raggiunto il proprio obiettivo. “E poi diciamo di portare il Dom Perignon ovviamente”, ride Centanni. “Dom Perignon in calici – risponde Franzini – . E poi ci sorridiamo, è finita lì… Bel brindisi…”.

Leggi anche:

Total
4
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Ministero in aiuto degli studenti ucraini arrivati in Italia: non perderanno l'anno scolastico

Next Article

Ricerca, dall'Ue 1,8 miliardi di euro agli atenei italiani. Ma quelli più grandi raccolgono il 50% dei contributi

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".