Concorsi truccati, è bufera nell’Università italiana: 38 docenti indagati. Coinvolto anche un ex ministro

concorsi truccati

Sarebbero 38 in tutta Italia i docenti universitari indagati dalla procura di Bari in una inchiesta su concorsi per docenti di diritto ecclesiastico, costituzionale e pubblico comparato.

Tra loro, vi sarebbero anche noti costituzionalisti, un ex ministro, l’ex garante della Privacy, e cinque dei ‘saggi’ incaricati di supportare il governo nella definizione delle riforme costituzionali.

Per l’accusa, gli indagati, impegnati nelle commissioni, pianificavano i concorsi accordandosi sull’esito. Una intercettazione dietro l’altra: così la Procura di Bari ha individuato una rete di docenti che potrebbe avere pilotato alcuni concorsi universitari.

I finanzieri del nucleo di polizia tributaria del comando provinciale di Bari avevano iniziato a indagare sulla «Giustino Fortunato» di Benevento. Gli accertamenti si sono poi estesi sempre più: basti pensare che i pm baresi Renato Nitti e Francesca Pirrelli stanno valutando addirittura le posizioni di un ex ministro, dell’ex garante per la privacy, di cinque dei 35 saggi nominati dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. L’ipotesi è che qualcuno possa avere influenzato i concorsi.

Tra i 38 docenti coinvolti nell’inchiesta che da Bari potrebbe fare tremare il mondo accademico italiano ci sono infatti Augusto Barbera (Università di Bologna), Beniamino Caravita di Toritto (Università La Sapienza Roma), Giuseppe De Vergottini (Università di Bologna), Carmela Salazar (Università di Reggio Calabria) e Lorenza Violini (Università di Milano), nominati da Napolitano per affiancare l’esecutivo sul terreno delle riforme costituzionali. La loro posizione, al pari di quella dell’ex ministro per le Politiche Comunitarie Anna Maria Bernini e di Francesco Maria Pizzetti, ex Garante della Privacy, è al vaglio della Procura di Bari che dovrà verificare se ci sono elementi per esercitare l’azione penale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'offerta ai cervelli in fuga: centomila euro per rientrare

Next Article

A 15 anni inventa un test per scoprire il tumore al pancreas

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".