Concorsi Scuola 2020: ecco i bandi per Docenti in arrivo

Ecco tutte le informazioni sui bandi di concorso scuola 2020 per Docenti: date dei concorsi, cosa sapere sul bando straordinario e sul bando ordinario, requisiti e prove

Concorsi scuola: bandi Docenti in arrivo entro fine Aprile 2020. Sono già disponibili le bozze dei bandi relative ai tre concorsi per docenti che porteranno a migliaia di assunzioni. Le selezioni pubbliche sono rivolte a candidati abilitati e non abilitatiprecari con 3 anni di insegnamento e laureati

A partire da quest’anno il MIUR ha previsto nuove misure per il reclutamento dei Docenti, che dovrebbero essere immessi in ruolo già a partire dal 1° settembre 2020, e nuovi concorsi Miur per le assunzioni nella Scuola. Nello specifico, entro il 30 Aprile 2020 saranno pubblicati 2 bandi per Docenti, per la copertura di circa 50mila posti di lavoro nella scuola secondaria, sia comuni che per il sostegno. Si tratta di un concorso straordinario e abilitante rivolto a chi ha maturato 3 anni di insegnamento, che porterà 24.500 assunzioni, e di un concorso ordinario per laureati, che dovrebbe essere finalizzato ad altri 24mila inserimenti. Un altro concorso sarà bandito per insegnare nelle scuole d’infanzia e primarie.

CONCORSO STRAORDINARIO PER 24MILA DOCENTI (PRECARI)

Concorso straordinario e abilitante per Insegnanti di secondaria, rivolto a Docenti con 3 anni di insegnamento nella scuola statale, anche sul sostegno, svolti anche non consecutivamente negli anni scolastici dal 2008/2009 al 2019/2020, di cui 1 nella classe di concorso per cui intendono concorrere. La procedura concorsuale comprenderà una prova scritta, da svolgere su pc, composta da quesiti a risposta multipla.

Possono partecipare al concorso straordinario scuola secondaria i candidati che possiedono i seguenti requisiti:

  • hanno svolto almeno tre annualità di servizio, anche non consecutive, su posto comune o di sostegno, tra l’anno scolastico 2008/2009 e l’anno scolastico 2019/2020. I soggetti che raggiungono le 3 annualità di servizio esclusivamente in virtù del servizio svolto nell’a.s. 2019/2020 sono ammessi con riserva;
  • hanno svolto almeno un anno di servizio, tra l’anno scolastico 2008/2009 e l’anno scolastico 2019/2020, nella specifica classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale concorrono;
  • titolo di studio coerente con la classe di concorso richiesta;
  • per i posti di sostegno, idonea specializzazione.

La procedura concorsuale prevede l’espletamento di una prova scritta computer based, composta da 80 quesiti a risposta multipla, diversi per i posti comuni e per quelli di sostegno, da svolgere in 80 minuti. Oltre al test scritto è prevista la valutazione dei titoli.

CONCORSO ORDINARIO DOCENTI SCUOLE MEDIE E SUPERIORI

Concorso ordinario per Insegnanti di secondaria, rivolto a laureati in possesso dei requisiti previsti per accedere all’insegnamento, compresi 24 crediti CFU/CFA in settori formativi psico antropo pedagogici e nelle metodologie didattiche. Possono partecipare al concorso ordinario scuola secondaria i candidati che hanno conseguito uno dei seguenti titoli:

  • abilitazione alla specifica classe di concorso;
  •  titolo di accesso alla specifica classe di concorso congiuntamente a titolo di abilitazione all’insegnamento per diverso grado o classe di concorso;
  •  titolo di accesso alla specifica classe di concorso unito al possesso dei 24 CFU/CFA di cui all’articolo 1, comma 181, lettera b), numero 2.1 della Legge 13 luglio 2015, n. 107

Per i posti di sostegno è richiesta la specializzazione sul sostegno per lo specifico grado (secondaria di primo o secondo grado).

CONCORSO ORDINARIO DOCENTI DI INFANZIA E PRIMARIA

Concorso ordinario per Insegnanti di infanzia e primaria, rivolto a laureati in Scienze della formazione primaria oppure candidati con diploma magistrale con valore di abilitazione o diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali entro l’anno scolastico 2001/2002. Per questa procedura concorsuale non sono richiesti i 24 CFU e/o requisiti di servizio.

Possono partecipare al concorso Docenti ordinario per la scuola d’infanzia e primaria i candidati che possiedono i seguenti requisiti:

  • hanno conseguito uno dei seguenti titoli
    – laurea in Scienze della Formazione primaria;
    – diploma magistrale con valore di abilitazione o diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali, entro l’anno scolastico 2001/2002;
  • per i posti di sostegno, idonea specializzazione.

Il MIUR ha pubblicato il decreto 20 aprile 2020, n. 200, contenente la nuova TABELLA (Pdf 52Kb) di valutazione dei titoli per l’accesso ai ruoli del personale docente nella scuola dell’infanzia e primaria su posto comune e di sostegno.

Stando alle ultime bozze del bando la procedura concorsuale prevede l’espletamento delle seguenti prove:

  • preselezione computer based, con 50 domande a risposta multipla con quattro opzioni di risposta, di cui una sola corretta;
  • prova scritta, articolata in
    – 2 quesiti a risposta aperta, diversi per i posti comuni e di sostegno;
    – 1 quesito articolato in 8 domande a risposta chiusa, per verificare la comprensione in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro comune Europeo di riferimento per le lingue (QCER), uguale per i posti comuni e di sostegno;
  • prova orale, distinta per i posti comuni e di sostegno, comprendente la verifica della conoscenza della lingua inglese.

CONCORSI SCUOLA 2020 DATE

Stando a quanto riportato da vari organi di informazione, i concorsi si svolgeranno secondo il seguente calendario:

Concorso scuola 2020 bando straordinario

  • pubblicazione bando: entro 30 aprile;
  • presentazione domande: dal 28 maggio al 3 luglio;
  • prove: agosto;

Concorso scuola secondaria ordinario

  • pubblicazione bando: entro 30 aprile;
  • presentazione domande: dal 15 giugno al 31 luglio;
  • prove: ottobre;

Concorso ordinario scuola primaria e infanzia

  • pubblicazione bando: entro 30 aprile;
  • presentazione domande: dal 15 giugno al 31 luglio;
  • prove: ottobre.

Si tratta delle prime ipotesi emerse in base alla pubblicazione delle bozze dei bandi scuola 2020, in attesa delle date ufficiali, che potrebbero confermare o variare quelle riportate.

Come riportato da vari organi di informazione, i vincitori della procedura concorsuale straordinaria avranno la cattedra dal 1° settembre, dunque le prime 24mila assunzioni saranno effettuate entro il 2020 mediante nomine retroattive, considerando che le prove dovrebbero partire ad agosto e dunque non possono concludersi a inizio settembre. Per i concorsi scuola secondaria, primaria e d’infanzia ordinari non è chiaro, al momento, se le assunzioni partiranno da settembre.

Ecco quali sono le principali novità introdotte dal provvedimento:

  • indizione di concorsi per l’immissione in ruolo;
  • ai concorsi potranno partecipare
    – per i posti comuni, candidati abilitati, laureati in possesso di 24 crediti universitari (CFU) in settori formativi psico antropo pedagogici e nelle metodologie didattiche, docenti con 3 anni di servizio svolto negli ultimi 8 anni;
    – per i posti ITP (Insegnanti Tecnico Pratici), fino al 2025 candidati con diploma valido per accedere alle classi di concorso, dopo il 2025 Docenti abilitati o laureati in possesso dei 24 CFU;
    – per i posti di sostegno, candidati in possesso dei requisiti previsti per gli altri posti e della specializzazione sul sostegno;
  • ciascun concorso sarà articolato in 3 prove d’esame, di cui 2 scritte e 1 orale, eccetto che per gli Insegnanti di sostegno, per i quali sono previsti 2 esami, ovvero 1 scritto e 1 colloquio;
  • i vincitori dei concorsi Miur saranno inseriti in un percorso di formazione iniziale prova;
  • coloro che supereranno il percorso con esito positivo, saranno confermati in ruolo

ticonsiglio

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nelle università inglesi crollo di iscritti e rette per 2,9 miliardi di euro (e gli atenei italiani sperano)

Next Article

Università, l'ultimo boom delle matricole

Related Posts
Leggi di più

Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: "Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie".