Concorsi pubblici: per il 42 % degli studenti dovrebbe contare anche l’Ateneo di provenienza

I risultati del sondaggio lanciato dal Corriere dell’Università: a sorpresa, per il 42 % degli studenti è giusto considerare l’Ateneo di provenienza in sede concorsuale
“Ci sono Università di serie A e di serie B, è ridicolo negarlo”. Così ha parlato lo scorso 18 febbraio il premier Matteo Renzi, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico al Politecnico di Torino.  Sarà vero? Per il 60 % degli studenti la risposta è sì. È questo il risultato del sondaggio lanciato dal Corriere dell’Università, cui hanno risposto oltre 1.500 studenti.
Sostanzialmente, i ragazzi si dividono in due grandi gruppi: da una parte c’è chi è dell’idea che in Italia ci siano grandi differenze tra gli Atenei. Il 42 %, invece, ritiene che ogni Università faccia storia a sé.
Il dibattito si è acceso dopo l’approvazione dell’emendamento presentato dall’On. Marco Meloni al DDL sulla PA, che prevedeva una differenza in sede concorsuale tra gli studenti in base all’Ateneo di provenienza. Tante sono state le reazioni dal mondo politico e universitario, a partire dall’ANDU, l’associazione dei docenti universitari, che in una nota durissima si è schierata contro il governo che “abolisce di fatto il valore legale del titolo di laurea”.
Insomma, è giusto dare maggior peso in sede concorsuale all’Ateneo di provenienza? Anche stavolta il 60 % degli studenti si dice contrario: “E’ solo un modo per creare disparità tra i ragazzi”. Il 41 % dei votanti, a sorpresa, si dice favorevole all’introduzione del nuovo parametro.
Infine la questione si sposta sul modello di valutazione stessa delle Università italiane. Per il 75 % degli studenti il modello utilizzato dall’ANVUR è da ripensare, perché troppo legato ai numeri. Solo il 26 % dei votanti si esprime a favore dell’agenzia di valutazione, poiché, attualmente, è l’unico esistente nel nostro Paese.
LE TABELLE DEL VOTO
Atenei serie A e B
Anvur
 
Ateneo di provenienza

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 06 luglio

Next Article

Giannini vola in Marocco per un accordo bilaterale su Università e Ricerca

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".