Giannini vola in Marocco per un accordo bilaterale su Università e Ricerca

“L’incontro di oggi è stato molto importante per la cooperazione bilaterale fra Italia e Marocco. Sono particolarmente grata al Ministro Daoudi per avermi invitata per discuterne e lanciare un Piano d’azione congiunto. Confermo la piena disponibilità italiana ad una collaborazione in tutti i settori chiave della ricerca scientifica e tecnologica”. Lo dichiara il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, nel corso della sua visita in Marocco.

Il Ministro ha firmato una Dichiarazione di intenti per la collaborazione su otto settori chiave: agricoltura, aeronautica, architettura, settore automobilistico, medicina, ricerca oceanografica, università a distanza, trasferimento tecnologico. “Lo sviluppo di azioni congiunte con il Marocco – ha spiegato il Ministro – è un punto centrale della nostra azione politica nel Mediterraneo”.
Il Ministro Giannini ha inoltre spiegato che l’Italia ha individuato otto Università ed Enti di ricerca che saranno capofila dei programmi e dei progetti congiunti: Politecnico di Torino; Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica di Trieste; Università Sapienza di Roma; Dipartimento di Scienze Bio-agroalimentari del Cnr; Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze; Netval; Università Uninettuno; Università “Federico II” di Napoli. Nei prossimi due mesi, queste istituzioni lavoreranno al Piano di azione congiunto.
Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Concorsi pubblici: per il 42 % degli studenti dovrebbe contare anche l’Ateneo di provenienza

Next Article

Rapporto OCSE: Italia spende troppo per il Welfare e poco per la scuola

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.