Concetto e ruolo dello sport nel panorama culturale contemporaneo

Bisogna fare una premessa importante, prima ancora di parlare nello specifico dello sport, è necessario sottolineare che la stessa categoria di tempo libero sta cambiando la sua natura , perché non rappresenta più una dimensione marginale rispetto alle altre attività dei soggetti. Oggi, il tempo libero è carico di significati per l’esperienza individuale ed è vissuto come un tempo “emergente”, una risorsa da sfruttare sia per l’identità che per la socialità dei soggetti.
Il tempo libero disegna un nuovo modo di vivere lo spazio e produce inedite domande di beni, molti dei quali di natura relazionale. In linea di massima, tre sono gli specifici ambiti delle attività del tempo libero: i viaggi brevi o lunghi; forme di svago di vario tipo dal cinema allo shopping in cui, comunque, prevale l’aspetto conviviale/relazionale; lo sport inteso come pratica e come spettacolo.
Un secondo rilievo preliminare da fare a proposito dello sport è che esso viene praticato, secondo gli ultimi dati su campione rappresentativo dell’universo giovanile  italiano (dai 15 anni ai 34 anni) dal 53% dei giovani, e questa percentuale sale al 56,6% se si considerano solo i giovani dai 15 ai 24 anni. La fascia di età dai 30 ai 34 anni ha una percentuale del 42%  di praticanti regolari. Le differenze  negative – un 13% in meno rispetto ai dati generali – riguardano le donne. In termini geografici la distribuzione delle percentuali è la seguente: al Nord praticano sport il 62,9% della popolazione giovanile; al Centro il 60,7%; Sud e Isole il 41%. Inoltre, bisogna sottolineare che i dati dimostrano che fanno meno sport chi non lavora e chi non studia, mentre la percentuale aumenta esponenzialmente per gli studenti. In ogni caso per tutti prevale la motivazione del divertimento e meno quella dell’agonismo.
Lo sport non è solo l’insieme di giochi e competizioni, ma un fenomeno socio-culturale rilevante, infatti nell’arco di due secoli, esso è diventato una vera istituzione sociale che ha acquistato rilevanza sotto molti profili socio-individuali.
Paolo Massimo Campogrande

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 8 marzo

Next Article

Simone Robbiano, dottorando ovadese premiato da Mattarella

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".