CNR, selezioni aperte per 82 ricercatori di eccellenza

I ricercatori saranno inseriti in 24 aree scientifiche

I ricercatori saranno inseriti in 24 aree scientifiche
Il Consiglio nazionale delle ricerche ha avviato le procedure per assumere entro l’anno 82 esperti in varie aree scientifiche di competenza dell’Ente, identificate dall’Unione Europea come strategiche. Le 24 aree dei bandi vanno dalla biomedicina ai cambiamenti climatici, dalla chimica verde all’agro-food, dalla genetica all’ informatica e Itc, dall’innovazione socio-culturale al cervello umano, dai nuovi materiali alle tecnologie quantistiche.
“I posti sono pochi ma sono posizioni di grande qualità, di certo non basta ma è un significativo segnale di inversione di tendenza”, ha sottolineato Massimo Inguscio, presidente del Cnr, durante il convegno “Terza missione e trasferimento tecnologico”, che si è svolto ieri a Tor Vergata.
Le procedure, assicurano dal Cnr, saranno estremamente celeri. Il provvedimento ministeriale recepito nella Legge di stabilità precisa infatti che le assunzioni devono essere effettuate entro il 2016.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 16 giugno

Next Article

La Maturità dei Vip - Lodovica Comello: Immaginate i prof. in mutande, funziona sempre

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".