Centri Impiego: 4Mila posti di lavoro con Legge Bilancio

In arrivo migliaia di assunzioni nei Centri per l’Impiego.
La Legge di Bilancio 2019 autorizza le Regioni ad assumere ben 4Mila unità di personale nei propri uffici che si occupano delle politiche attive per l’occupazione. Questo incremento dell’organico servirà a potenziare i servizi offerti e a far fronte alle nuove mansioni che saranno chiamati a svolgere una volta che diventerà attiva la misura del Reddito di cittadinanza.
Cosa significa? Che la Legge di Bilancio rende disponibili delle risorse economiche per permettere alle Regioni, che coordinano queste strutture a livello territoriale, di assumere nuovo personale per renderle più efficienti e migliorarne e incrementarne i servizi. In particolare, il provvedimento legislativo stabilisce una dotazione economica pari a 120 milioni di euro per il 2019 e a 160 milioni di euro l’anno a decorrere dal 2020, per la copertura di ben 4Mila posti di lavoro nei Centri Impiego.
Una parte di questi fondi per far fronte agli oneri derivanti dal reclutamento del nuovo contingente di personale, ovvero quella destinata alle assunzioni nei CpI per quest’anno e il prossimo, rientra nell’importo di 1 miliardo di euro per ciascun anno stanziato, a valere sul Fondo per il Reddito di cittadinanza, per il potenziamento di questi uffici. Dal 2021, invece, le risorse economiche destinate ai nuovi inserimenti di personale saranno ricavate mediante corrispondente riduzione del Fondo stesso che, lo ricordiamo, è stato istituito dal comma 255 della stessa Legge di Bilancio per l’attivazione delle nuove misure a contrasto della povertà del Reddito di cittadinanza e della Pensione di cittadinanza.
Al momento è presto per parlare di candidature. Gli interessati alle future assunzioni Centri Impiego dovranno attendere l’attuazione di quanto previsto dal comma 258 della Legge Bilancio e che vengano avviate le procedure di selezione pubblica per il nuovo personale da assumere.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Seconda prova maturità 2019: la petizione dei professori

Next Article

Resto al Sud: finanziamenti fino a 200mila Euro per imprese

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.