Catania, arriva la notte bianca

nottericercatori.JPGLa ricerca come rappresentazione, come messa in scena “teatralizzata” delle potenzialità della scienza. Una notte per imparare, per scoprire, anche attraverso il gioco e il divertimento, un mondo nuovo e conoscere da vicino tutto ciò che fanno i ricercatori. Per esempio affrontando un’appassionante ‘caccia al tesoro’ scientifica, guardando l’infinitamente piccolo, attraverso un microscopio, o l’infinitamente lontano, grazie ai telescopi dell’Osservatorio, risalendo all’origine della formazione delle galassie, o ancora osservando da vicino un robot intelligente.
È solo un assaggio di quanto i catanesi di tutte le età potranno trovare alla Cittadella Universitaria a partire dal pomeriggio di venerdì prossimo, 26 settembre, quando andrà in scena la ‘Notte dei ricercatori 2008’.
«È un’iniziativa che viene realizzata per la prima volta a Catania e nella nostra Università», ha spiegato il rettore Antonino Recca. «Grazie a un finanziamento della Comunità europea che l’Università di Catania è riuscita a guadagnarsi insieme ad altri cinque atenei italiani e soprattutto grazie all’entusiasmo e al contributo, anche economico, dei nostri ricercatori – ha aggiunto il rettore – il grande pubblico potrà conoscere più approfonditamente il mondo della ricerca e della scienza, e quanto ogni giorno fanno i ricercatori per migliorare la nostra conoscenza e la stessa qualità della vita».
Al progetto, organizzato in collaborazione con l’agenzia We-Group, partecipano attivamente altri importanti enti di ricerca presenti a Catania quali, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), l’Istituto Nazionale di Astrofisica, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e il Consorzio Cometa.
«Tutti questi enti – ha aggiunto il professor Alfio Lombardo, delegato d’Ateneo alla ricerca strategica – avranno la possibilità di far conoscere alla gente i propri ricercatori e il loro ruolo, di mettere in mostra per una sera la dimensione umana, sociale e lavorativa. Vogliamo sfatare in questo modo il pregiudizio che il mondo universitario sia un luogo frequentato soltanto da un’élite di persone colte e di poche altre pronte a diventarlo. Al di là dello stereotipo corrente, i ricercatori sono ‘persone comuni’, rese ‘speciali’ soltanto dall’entusiasmo per tutto ciò che rappresenta una sfida verso un mondo migliore e più giusto per tutti».
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Borse di studio UNICEF dedicate a Arnoldo Farina

Next Article

Check-up gratuito al Campus Bio-Medico

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".