Case "sociali" per gli under 30 di Bolzano

ks101813-1501x2255.jpgPer riscattare tanti giovani dalla condizione di ‘bamboccioni’, il Comune di Bolzano ha pensato bene di dare il via al progetto di social housing, il complesso residenziale per under 30 organizzato in mini-appartamenti.
Le due palazzine, nel nuovo quartiere Casanova, alla periferia della città, saranno dotate di 37 monolocali da 28 metri quadrati, 37 da 38 metri quadrati e 17 trilocali da 48 metri quadrati. Dieci trilocali, all’incirca, potrebbero essere collegati ad altrettanti monolocali. Il progetto, firmato dall’architetto Bruno De Rivo, prevede anche la condivisione di spazi comuni: lavanderia, cinema e sala hobby.
Il contratto di locazione avrà una durata di tre anni, rinnovabile per altri due. Gli affitti poi, saranno scontati o comunque di molto inferiori ai prezzi del mercato privato. L’assessore ai lavori pubblici Stefano Pagani conta di vederli realizzati entro il 2012. Non si tratta di case dello studente, ma di alloggi destinati ai lavoratori, single, in coppia, sposati o no, non importa. Ciò che conta è che i giovani bolzanini possano finalmente lasciare mamma e papà.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage tra le auto per 8 venditori

Next Article

Spending review: l'università è più "razionale"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.