Carrozza contestata a Cosenza, ma il ministro replica: “Vengo dall’università, capisco chi protesta”

carrozza a rende

Carrozza contestata a Rende Tensione all’università della Calabria all’arrivo del ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza a Cosenza per inaugurare una nuova residenza universitaria. Pietre e uova sono state lanciate da alcuni militanti dei centri sociali contro l’auto su cui viaggiava il ministro ma l’intervento immediato delle forze dell’ordine ha arginato la protesta. Due carabinieri sono rimasti leggermente contusi. Dopo le contestazioni il ministro ha voluto parlare con i manifestanti per capire le ragioni della protesta. I contestatori hanno chiesto la liberazione dei giovani arrestati a Roma sabato scorso.

La Carrozza ha affidato ad un tweet la sua replica: “Posso assicurare che nessuno studente mi ha lanciato uova o pietre contro la macchina“. Il ministro aggiunge che la notizia della contestazione “è stata amplificata troppo” e di aver parlato con gli studenti “faccia a faccia”.

“Vengo dal mondo dell’Università e capisco queste situazioni. Bisogna conoscere le ragioni della protesta”, è stata la risposta del ministro.  Gli studenti che la  contestano chiedono, tra l’altro, la riduzione delle tasse universitarie, garanzie sul diritto allo studio ed il reddito minimo garantito.

Poi il ministro rivendica l’operato del governo: “Abbiamo inaugurato delle residenze pagate con le tasse dei loro genitori. Gli studenti dovrebbero studiare meglio le leggi che contestano. Abbiamo messo 150 milioni in più per le universita’ per il 2014”, ha detto.

Eppure, le spiegazioni di Carrozza non hanno convintola folla di studenti che invece hanno continuato a protestare contro l0assurda idea di privatizzare le residenze universitarie.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ministro Carrozza: 1,6 milioni di euro per assunzioni nella Ricerca

Next Article

Studenti in piazza per gli alloggi

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside