Carnevale a Palermo?

laureato-large.jpgTasse universitarie troppo salate? Chiediamo l’elemosina! Avranno pensato questo ieri gli studenti della facoltà di Lettere dell’Università di Palermo? Come dar loro torto?
Occupata l’area antistante la presidenza con cartelli di protesta e striscioni, qualcuno più coraggioso ha persino pensato di travestirsi da barbone chiedendo simbolicamente l’elemosina. Un gesto evidentemente “disperato” di fronte ad un crescente aumento delle tasse. Mauro La Mantia, rappresentante degli studenti, ha dichiarato che questi aumenti altro non sembrano che un modo per risanare le lacune fiscali che ha l’ateneo. Un’accusa forte, ma ben sostenuta a suo parere.
Al termine della manifestazione alcuni laureandi sono stati ricevuti dal preside Vincenzo Guarrasi che ha promesso di dare una spiegazione ed una risposta concreta giovedì 14 gennaio nel Consiglio di facoltà.
Durante il consiglio sarà compito dei rappresentanti degli studenti chiedere una sessione di laurea straordinaria in aprile così da evitare di pagare ancora le tasse dell’anno accademico. Molti studenti hanno rinunciato alla laurea a marzo quando, durante le festività natalizie, hanno scoperto che la data di consegna delle tesi era stata anticipata di ben venti giorni, al 25 gennaio.
Gli studenti di Palermo attendono con pazienza questi pochi giorni che li separano dal verdetto finale, speriamo proprio che non siano costretti a mascherarsi ancora per ottenere loro diritti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Guidance made in Campania

Next Article

2010, anno internazionale dei giovani

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".