Guidance made in Campania

foto.jpgL’Università degli Studi di Napoli l’Orientale ha accolto,oggi, presso il Rettorato di Palazzo du Mesnil “Training for ite integration”, a chiusura del convegno transnazionale nell’ambito del progetto Leonardo Da Vinci.
Il progetto, intrapreso nel novembre 2007 è nato con lo scopo di avviare un sistema di Formazione Operatori adottando il relativo con software, strumenti e manualistica di supporto. Fondamentale è stata in questo progetto la messa in atto di un protocollo di intesa per la creazione di una fitta rete di soggetti attivi e preparati in grado di garantire alta qualità per la formazione degli operatori del settore.
Questa rete di soggetti permetterà quindi di far interagire tra loro la Regione Campania, il Centro Lifelong Learning de l’Orientale, la Rete di Scuola delle Borsa-lavoro-Campania, lo STAP, la CREB, l’Osservatorio Regionale sull’apprendistato e l’Associazione Italiana Formatori-Delegazione della Regione Campania.
Lo svolgimento dei compiti per il programma Leonardo Da Vinci è sotto la cura dell’ISFOL incaricato congiuntamente dal Ministeri del Lavoro e della Previdenza Sociale, della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sentenza giusta al Tar

Next Article

Carnevale a Palermo?

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.