Capodanno con le bollicine

brindisi.bmpArrivati al 30 dicembre il tormentone è sempre lo stesso. Con chi brindare la notte del 31? L’arrivo del Nuovo Anno è uno degli eventi più attesi e festeggiati, ma il popolo dello Stivale è tra i più indecisi nella scelta della meta.

Gli italiani, secondo un’indagine realizzata da Pasqua Vigneti e Cantine, uno dei più importanti marchi del vino, si divideranno comunque tra partner (27%), famiglia (24%) o amici (23%) e in questa «occasione» uno su tre esprimerà buoni propositi per il 2010, ma sono molto più numerosi (71%) quelli che al fatidico «cin-cin» chiuderanno gli occhi ed esprimeranno sogni e desideri per i prossimi 12 mesi.

Ovviamente nessuno rinuncerà al brindisi di Capodanno, e per il per il 57%, infatti, l’alzare i calici allo scoccare della mezzanotte rappresenta ancora un gesto benaugurale. Il brindisi è irrinunciabile, è essenziale per iniziare bene l’anno.

Solo 1 su 3 però si soffermerà sui buoni propositi, 7 su 10 esprimeranno uno o più desideri: dalla fine della crisi all’incontro con l’amore della propria vita.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sesso, negli Usa si studia “strano”

Next Article

Posti in palestra per istruttori e receptionist

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).