Campania, l’Adisu L’Orientale inaugura la residenza universitaria

20140929_121654

L’A.di.s.u. L’Orientale apre ai fuori sede. In via Brin 65, accanto alla neonata “Eccellenze campane” è stata inaugurata la residenza universitaria per gli studenti iscritti ad un corso dell’Università L’orientale, Accademia di belle Arti Di Napoli, Conservatorio San Pietro a Majella o Accademia della Moda e residenti fuori regione o comunque a più di 30 Km dalla città di Napoli.

Al taglio del nastro, tra gli altri, gli Assessori regionali all’Università e all’Istruzione, Trombetti e Miraglia, il Rettore dell’Orientale Lida Viganoni, il cardinale Crescenzio Sepe, il Presidente dell’A.di.s.u. Antonio Manfredi e il direttore amministrativo Umberto Accettullo.

20140929_125346

144 posti letto in tutto per rette che vanno dai 250 euro per le doppie e 330 per le singole. Costi, in media sostenibili e che l’Ente si è già impegnato a ridurre ulteriormente attraverso fondi regionali e scelte di bilancio.

L’edificio è dotato di ogni confort: wifi libero, lavanderie, stirerie, sala fitness, sala per incisioni musicali, sala formazione, spazi studio, anche un solarium e un’area verde all’aperto.

Una struttura insomma di altissima qualità come ha ribadito il rettore Viganoni dal momento che “accompagnare la vita degli studenti è importante ed è dovere delle istituzioni”.

20140929_132907 20140929_132340

Non sono mancate le proteste. La cerimonia inaugurale infatti è stata anche un’opportunità per un gruppo di studenti di manifestare alle istituzioni richieste e preoccupazioni in merito al diritto allo studio. Protesta, forse strumentale, ma comunque accolta e placata anche dall’Assessora regionale all’Istruzione che ha ribadito “alcun taglio ai servizi per gli studenti. Questa struttura segue, in Campania, il buon esempio di Fisciano con il suo campus. E’ un brutto colpo per il mercato nero degli affitti agli studenti e un progetto di qualità”.

20140929_121336

“Una bella sfida” il commento del Direttore Amministrativo Accettullo in prima linea per il potenziamento dei servizi agli studenti in una regione che tende alla costituzione dell’Adisurc, un’unica Adisu per ottimizzare le scelte, i costi e garantire il diritto, degli studenti capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi economici, a raggiungere i gradi più alti degli studi.

IB

20140929_123229

20140929_132541

20140929_132616

20140929_123457 (1)

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli studenti come l'attimo fuggente: "Saliamo sui banchi per difendere la nostra scuola"

Next Article

Napoli, all'Università Federico II il Forum del dono

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.