Bruxelles boccia 4000 università europee

bruxelles boccia le università europee

Bruxelles boccia 4000 università europee Da Bruxelles un appello alle 4000 universita’ dei 28 Stati membri a ”pensare globale” per mantenere la propria attrattiva per gli studenti europei e per quelli provenienti da Paesi terzi, in un panorama in continua evoluzione, dove Cina e India sono sempre piu’ competitive.

La Commissione, con una comunicazione, lancia oggi una nuova strategia che punta a dotare gli studenti universitari Ue degli strumenti necessari a lavorare in qualsiasi parte del mondo e affinche’ il Vecchio Continente mantenga il suo appeal. A questo scopo l’esecutivo Ue ricorda anche il programma Erasmus+, in applicazione a partire dal primo gennaio 2014, che raggruppera’ tutti i programmi internazionali esistenti per aumentarne le sinergie. Oltre 400 milioni di euro saranno destinati ogni anno per sostenere la mobilita’ e la cooperazione tra le universita’ europee ed i loro partner in tutto il mondo. Anche se l’Europa continua ad attrarre circa il 45% degli studenti stranieri, ”non e’ tempo di crogiolarsi sugli allori” afferma la commissaria europea all’Educazione Androulla Vassiliou.

Il panorama dell’educazione universitaria e’ infatti in rapida evoluzione e si prevede che il numero degli studenti nel mondo si quadruplichera’, passando dai 100milioni del 2000 a 400milioni nel 2030, con una crescita molto forte in Asia e America Latina. Nel 2020 si prevede che ci saranno 7 milioni di studenti in movimento a livello internazionale, rispetto agli attuali 4 milioni. La maggior parte da Cina, India e Corea del Sud. La Cina da sola ospita il 7% degli studenti internazionali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Una foto shock per smettere di fumare

Next Article

50 morti in meno col primo soccorso, Ddl per insegnarlo a scuola

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".