Brexit, atenei e ricerca a rischio. Allarme anche per l’Erasmus

Mentre gli alunni stranieri delle scuole inglesi temono di essere cacciati, molti studenti europei non hanno confermato la retta universitaria dopo l’esito del referendum

Mentre gli alunni stranieri delle scuole inglesi temono di essere cacciati, molti studenti europei non hanno confermato la retta universitaria dopo l’esito del referendum
Bilanci degli atenei a rischio e fondi per la ricerca non confermati. La Gran Bretagna dopo aver scelto l’addio all’Europa rischia di vedere anche i suoi studenti e le università esclusi dal celebre programma Erasmus. E’ l’allarme lanciato sulle pagine dell’Observer da Ruth Sinclair-Jones, che dirige nel Regno Unito l’interscambio degli studenti europei e parla di un “momento di grande incertezza”. Secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, molti studenti europei non avrebbero confermato l’iscrizione e i giovani britannici potrebbero venir esclusi da importanti periodi di formazione all’estero ma gli atenei del Regno finirebbero col subire cospicui tagli di fondi alle loro finanze, fondamentali ad esempio per la ricerca.
Secondo Sinclair-Jones, non ci sarebbero ancora conseguenze dirette, ma ”sul lungo periodo, la situazione è del tutto incerta”, e già dall’anno prossimo ci potrebbero essere drastici cambiamenti. Secondo i dati diffusi dall’Observer, si contano 120 mila studenti dai Paesi Ue nelle università del Regno e di questi 27.400 appartengono al programma Erasmus che paga attraverso borse di studio le loro rette.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Eurochocolate 2016, opportunità per 600 giovani

Next Article

La rassegna stampa di martedì 26 luglio

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".