Borse di studio, diecimila euro per incoraggiare studi in Fisica

Miniature man and woman looking at the mortarboard on top of a stack of Euro coins and banknotes

Anche per il 2018 Edison S.p.A.Fondazione Alessandro Volta assegnano una borsa di studio destinata a un giovane ricercatore per un periodo di tirocinio presso un’università straniera, allo scopo di condurre ricerca nel campo della fisica, con particolare riguardo ai temi dell’energia.
Il premio, giunto alla quinta edizione, da continuità alla cultura della ricerca e dell’innovazione, con lo scopo di premiare e incoraggiare gli studi di Fisica in Italia. La “Borsa Edison” ha un valore di 10.000 euro e verrà assegnata per concorso al concorrente più meritevole, sia per titoli, preparazione scientifica, lavori già svolti e risultati conseguiti,sia per il vantaggio che gli studi, per i quali è richiesta la Borsa, possono portare allo sviluppo della fisica in Italia. Possono prendervi parte sia i cittadini italiani sia quelli svizzeri del Canton Ticino.
La domanda di partecipazione deve essere presentata entro il 23 aprile 2018 all’indirizzo email [email protected] oppure via posta ordinaria a Fondazione Alessandro Volta, Via per Cernobbio, 11 -Villa del Grumello, 22100 Como.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Sport di Classe", il progetto che aumenta di due ore a settimana l'attività fisica

Next Article

Berrypost elettorale, oggi ospiti Pierpaolo Sileri M5S e Andrea Torti Link - Coordinamento universitario

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.