Bene il “dottorato industriale”, ma servono norme e procedure più snelle

dottorato industriale

 

Il “dottorato industriale”, ovvero la possibilità di coordinare progetti di ricerca tra Università e imprese, istituito con un decreto ministeriale dello scorso anno, può davvero risollevare le sorti di migliaia di ricercatori italiani? Il dibattito è aperto, ma una cosa è certa: se le regole non si snelliscono e la burocrazia continuerà ad imperare, intere generazioni di dottorandi rischiano di rimanere al palo.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2014/03/24SB21533.PDF

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Marrelli: "siamo ricchi di eccellenze, ma restano sacche di mediocri"

Next Article

Carrozza: "Mi ha fatto male essere scaricata con qualche sms"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".