Banca d'Italia, borse di studio da 27 mila euro per seguire corsi universitari all'estero

La Banca d’Italia mette a disposizione 7 borse di studio del valore di 27 mila euro ciascuna per consentire a brillanti laureati di perfezionare il proprio percorso di studi frequentando corsi universitari in Italia o all’estero della durata minima di 9 mesi.
Tre i programmi di borse attivati per l’anno accademico 2016/17:
– 3 borse di studio “Bonaldo Stringher” destinate al perfezionamento degli studi nel campo dell’economia politica e della politica economica;
– 2 borse di studio “Giorgio Mortara” destinate al perfezionamento degli studi all’estero sulle metodologie matematiche,statistiche ed econometriche, principalmente finalizzate all’analisi delle istituzioni, dei mercati e degli strumenti finanziari e della loro regolamentazione;
– 2 borse di studio “Donato Menichella” destinate al perfezionamento degli studi in Italia o all’estero sulle interrelazioni tra crescita economica ed ordinamento giuridico nonché sugli impatti della regolamentazione sulle attività economiche.
Ogni candidato potrà concorrere per una sola tipologia di borsa. L’importo di ciascuna borsa è di 27 mila euro, da erogare in 4 rate; ciascuna borsa, inoltre, copre le spese di assicurazione e di spostamento, mentre le tasse universitarie e le eventuali spese di alloggio sono a carico della Banca d’Italia. A discrezione delle Banca d’Italia, i candidati considerati meritevoli potranno ricevere delle borse di avviamento alla ricerca della durata di tre mesi prorogabili fino a sei da fruire all’interno dell’Istituto per la partecipazione a progetti di ricerca.
Requisiti indispensabili per partecipare ai bandi sono l’ottenimento della laurea specialistica conseguita dopo il 31 luglio 2013 con punteggio non inferiore a 110/110 e ottima conoscenza della lingua straniera utilizzata nei corsi scelti per la fruizione della borsa.
La scadenza per presentare domanda è fissata al 12 ottobre 2015 entro le ore 18. Tutte le richieste di partecipazione devono pervenire compilando l’apposito form disponibile sul sito della Banca d’Italia.
A questo link, invece, potete scaricare il bando ufficiale delle Borse di studio messe a disposizione dalla banca d’Italia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Migranti, proposta degli studenti: "Apriamo scuole e università all'accoglienza"

Next Article

La rassegna stampa di martedì 15 settembre

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.