Banca d’Italia apre a laureati, geometri e periti tecnici

C’è tempo fino al 23 agosto per candidarsi ai nuovi concorsi di Banca d’Italia. L’Istituto sta cercando cinque coadiutori e cinque assistenti tecnici da assumere al suo interno. Per i coadiutori è fondamentale essere laureati e avere un orientamento nel campo della progettazione edile, architettonica, impiantistica e di sicurezza e avere un’età non superiore ai 40 anni.

5 coadiutori tecnici. Per i due coadiutori tecnici, con orientamento nel campo edile, è richiesta la laurea specialistica/magistrale, conseguita con una votazione non inferiore a 105/110 o 96/100, in una delle classi di laurea richieste per la rispettiva abilitazione. Oppure la Banca richiede il diploma di laurea di “vecchio ordinamento”, conseguito con una votazione non inferiore a 105/110 o 96/100. I laureati dovranno inoltre essere abilitati alla professione di ingegnere civile e ambientale o di architetto. Per ulteriori informazioni sulle caratteristiche richieste clicca qui per scaricare il bando.

5 assistenti tecnici. Gli assistenti saranno, invece, inseriti all’interno di attività di progettazione, ristrutturazione e manutenzione del patrimonio immobiliare. A 3 assistenti tecnici è richiesta esperienza nel campo edile e il diploma di geometra o perito tecnico industriale con indirizzo “edilizia” o il diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale equipollente conseguito con una votazione di almeno 80/100 o 48/60 e l’iscrizione all’Albo dei geometri e geometri laureati. Per gli altri assistenti è richiesta invece esperienza nel campo dell’impiantistica di sicurezza e la conoscenza delle connesse tecnologie informatiche (diploma di perito tecnico industriale). Clicca qui per scaricare il bando.

Per ulteriori informazioni www.bancaditalia.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Banca del tempo e lotta alla discriminazione. Approvate le delibere

Next Article

Tasse aumentate ai fuoricorso Codacons: pronte azioni legali

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".