Agenzia per la Cybersicurezza: il nuovo direttore era prof alla Sapienza

Il docente della Sapienza Roberto Baldoni è il nuovo Direttore dell’ACN, l’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale appena varata dall’esecutivo.

“Desidero formulare le congratulazioni al prof. Roberto Baldoni per il nuovo prestigioso incarico – commenta la Rettrice Antonella Polimeni – Questa designazione ribadisce il ruolo che l’università può e deve avere a servizio della società civile”.

Nel 2017 Roberto Baldoni ha assunto l’incarico di vicedirettore generale del Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza (DIS) della Presidenza del Consiglio con delega alla cybersecurity.

Alla Sapienza, il professore ha diretto il Centro di Ricerca Sapienza in Cyber Intelligence e Information Security e Responsabile nazionale del progetto MIUR-PRIN TENACE “(Protecting National Critical Infrastructures From Cyber Threats).

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giorgio Armani: “oggi bisogna saper creare qualcosa che abbia sostanza”

Next Article

Laurea al DAMS ce ne parla la docente Pasquini

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).