Assunzioni Amazon 2020: 1600 posti di lavoro in Italia

Nuove assunzioni Amazon in Italia anche nel 2020.

Il colosso americano del commercio elettronico sta portando avanti un programma di crescita nel nostro Paese che porterà numerose assunzioni a tempo indeterminato entro l’anno. Sono ben 1600 le nuove risorse che entreranno in azienda nel 2020.

Ecco tutte le informazioni sui nuovi posti di lavoro in Amazon in arrivo.

AMAZON ASSUNZIONI CON PIANO SVILUPPO

A dare l’annuncio è l’azienda stessa, attraverso un comunicato relativo al piano di assunzioni Amazon 2020, riportato da vari organi di informazione. Il programma assunzionale segue quello già lanciato dal Gruppo lo scorso anno, che ha visto la creazione di numerosi posti di lavoro in Italia. Il piano di espansione sta proseguendo anche quest’anno e porterà 1600 nuovi inserimenti di personale nel nostro Paese entro i prossimi mesi, anche grazie all’apertura di nuovi centri logistici.

I nuovi assunti, inseriti con contratti a tempo indeterminato, faranno crescere il numero dei dipendenti Amazon in Italia, portandoli dai 6.900 attuali a 8.500. I nuovi magazzini e l’incremento dell’organico del Gruppo serviranno a far fronte alla domanda crescente da parte dei clienti, una selezione più ampia e un migliore supporto per le piccole e medie imprese che vendono su Amazon.

Le risorse selezionate potranno beneficiare delle condizioni lavorative offerte dal Gruppo ai propri dipendenti, che comprendono vari benefit, tra cui assicurazioni e sconti, oltre a possibilità di formazione e crescita professionale.

PROFILI RICHIESTI

Quali sono le figure richieste? Le nuove assunzioni in Italia che Amazon effettuerà nel prossimo triennio sono rivolte a vari profili. Si cerca personale sia per i poli distributivi, i magazzini e i depositi di smistamento che per i centri di sviluppo e il servizio clienti, su tutto il territorio nazionale. Le selezioni riguardano persone a tutti i livelli di esperienza, istruzione e competenza in settori quali quello IT, lo sviluppo software, la logistica, la linguistica e le risorse umane.

Dunque non mancano le opportunità di inserimento per magazzinieri, operatori addetti a prelievo, imballaggio e spedizione della merce, autisti addetti alle consegne. E, ancora, per addetti al customer care, alle vendite e alla comunicazione, informatici e altre figure.

Con ogni probabilità ci saranno opportunità di impiego anche per personale senza esperienza, da formare ed inserire in azienda. Amazon, infatti, offre ai propri collaboratori l’opportunità di beneficiare di percorsi formativi per accedere a diverse professioni. Tra questi il Career Choice, il programma di formazione per i dipendenti a tempo indeterminato, che anticipa il 95% dei costi per permettere loro di frequentare corsi riconosciuti, per accedere a posizioni lavorative ad alta richiesta ed elevata retribuzione, quali quelle relative alla progettazione e al design, alle tecnologie per le macchine utensili, alle tecnologie mediche di laboratorio, all’assistenza infermieristica e ad altri campi.

CONDIZIONI DI LAVORO

I nuovi assunti in Amazon avranno accesso, oltre alla regolare retribuzione, anche ad un pacchetto completo di benefici. Quest’ultimo comprende l’assicurazione medica privata dal primo giorno di lavoro, assicurazione sulla vita, uno sconto per acquisti su Amazon e un piano pensionistico aziendale.

Per quanto riguarda le retribuzioni offerte sono di sicuro interesse. Ad esempio, per i magazzinieri, è previsto generalmente uno stipendio iniziale pari a 1.550 euro lordi.

Gli interessati alle future assunzioni Amazon e alle opportunità di lavoro attive possono visitare questa pagina web riservata alle carriere e selezioni (Lavora con noi) del Gruppo, raggiungibile dal portale www.amazon.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Azzolina: "La scuola riapre e non chiude più. Sfido Salvini in tv"

Next Article

Concorso Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA) 2020: Bando prorogato

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.