Aspettando il ballottaggio, chi preferiscono gli studenti tra Renzi e Bersani?

da sx Sara, studentessa Roma tre – Mariella, dottoranda presso l’università di Salerno

Renzi o Bersani? Nella settimana che porta al ballottaggio per il candidato del centrosinistra abbiamo deciso di ascoltare il parere degli studenti.

Il risultato è una condizione di sostanziale equilibrio: da una parte, gli studenti rivendicano il pragmatismo e l’esperienza di Bersani, dall’altra viaggia forte il vento di novità portato avanti dal sindaco di Firenze.

“Bersani? Mi è sicuramente più “vicino” politicamente – ci racconta Mariella Palmieri, dottoranda presso l’Università degli studi di Salerno – ma rappresenta davvero il vecchio dalla politica, lui e tutti i suoi seguaci, che sono dei vecchi burocrati (indipendentemente dall’età). Renzi, al contrario, è uno di destra, ha indotto a votare tanta gente di destra; di lui non condivido l’impianto liberista e poi è circondato da gente che somiglia tanto ai primi seguaci di Berlusconi: aggressivi, arroganti e anche un po’ ignoranti”.

Di tutta altra posizione è Sara, laureanda presso l’Università di Roma Tre. “Scelgo Renzi perché ha idee nuove e perché è una delle poche personalità forti della Sinistra, vuole dar spazio ai giovani e al rinnovamento”.

C’è da sottolineare, poi, che molti giovani sono ancora indecisi. Altri, ancora, non andranno nemmeno a votare.

Le cose si mettono male per Renzi quando si parla di tagli all’Università. “Renzi, in primis, per l’università porta avanti politiche che vanno a nuocere lo studente (vedi la questione del prestito d’onore) – ci racconta Angelica Avallone di Link-Coordinamento Universitario.

Da Napoli arrivano buone notizie per Bersani. “E’ stato l’unico che, al governo, è andato contro le lobby e le multinazionali – ci risponde Domenico, laureando presso la Sun. Ad esempio ha tolto la tassa sulle ricariche telefoniche; ha dato la possibilità di fare la portabilità con lo stesso numero entro 5 giorni lavorativi; ha abolito le penali per le rescissioni contrattuali con Sky, Mediaset premium etc. riuscendo a liberalizzare anche alcuni settori”.

Sui social network sono spuntati diversi gruppi di ragazzi che si attivano a favore dell’uno o dell’altro candidato.

A prescindere dall’esito delle primarie di domani, le voci degli studenti saranno comunque importanti per  la scelta del futuro candidato premier del Pd.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Raid vandalico, cancellato il murales che raffigurava Totti

Next Article

Addio manuali, siamo nell'era dell'e-book

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"