Artisti occupano la sede del Forum delle Culture

La Balena, il collettivo dei lavoratori dello spettacolo e dell’immateriale, ha occupato la sede del Forum delle Culture

Stamattina alle ore 9.00 La Balena, il collettivo dei lavoratori dello spettacolo e dell’immateriale, ha occupato la sede della Fondazione del Forum Universale delle Culture 2013 presso l’ l’Ex Asilo Filangieri.

Occupiamo questo spazio perché sentiamo questo luogo come una delle tante contraddizioni aperte nella nostra città – scrivono in un comunicato – Non intendiamo sollevare le criticità del Forum Universale delle Culture, ma usare questo spazio come contenitore informale di incontri e narrazioni da aprire alla città, per dare vita ad un’inchiesta permanente sullo stato dell’arte e della cultura e sulla condizione dei lavoratori dell’immateriale, attraverso nuove pratiche e nuovi linguaggi”.

All’azione partecipano: Teatro Valle Occupato di Roma, Ex-Cinema Palazzo di Roma, I lavoratori dell’arte di Milano, Teatro Coppola di Catania, Arsenale di Palermo, S.a.l.e. Docks di Venezia.

La cultura è un diritto, una necessità, non un privilegio – continua la nota – proponiamo nuove pratiche, partecipate e condivise, che interrompano i dispositivi di cooptazione dall’alto, convinti che tutte le arti dello spettacolo, come anche la formazione, non possano fondarsi sulla produzione di ricchezza economica, perché i saperi e la conoscenza sono il fondamento per la ricostruzione di una comunità e per lo sviluppo di una collettività sana e consapevole”.

Da oggi e fino a domenica il collettivo convocherà tre assemblee pubbliche su beni comuni, welfare e politiche culturali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cifre da capogiro per i social

Next Article

L'Udu a Profumo: chi vuole aumentare le tasse universitarie vive in un altro pianeta

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".