Architettura, borse di studio dalla regione umbria

Ci sarà tempo fino al 31 gennaio 2012 per presentare domanda di accesso alle due borse di studio per architettura bandite dalla Giunta regionale dell’Umbria.

Ci sarà tempo fino al 31 gennaio 2012 per presentare domanda di accesso alle due borse di studio per architettura bandite dalla Giunta regionale dell’Umbria, su proposta dell’assessore all’urbanistica Silvano Rometti, e rivolte a giovani laureati. Le borse sono riservate a laureati in discipline inerenti l’architettura, l’ingegneria civile, l’urbanistica, l’ingegneria civile e ambientale ed il territorio, in possesso di laurea magistrale conseguita da non più di tre anni, nelle Università con sede in Umbria, di età non superiore a 30 anni che presentino, in accordo con un professore di riferimento afferente ad un Dipartimento universitario umbro, programmi di ricerca ritenuti di elevato interesse per la qualificazione e lo sviluppo del territorio regionale e della qualità urbana. Le borse di studio possono essere concesse a cittadini di qualunque nazionalità e di entrambi i sessi.  

Le ricerche oggetto dei programmi presentati dai soggetti assegnatari hanno durata massima di 12 mesi, non rinnovabili. La borsa di studio è erogata con una prima quota pari al 50% dell’importo complessivo al raggiungimento della fase intermedia, come risultante dal cronoprogramma presentato, e successivamente con una seconda quota a saldo pari al residuo 50%, dopo la presentazione dei risultati della ricerca. A valutare i programmi di ricerca sarà una apposita Commissione.

Per informazioni è possibile rivolgersi alla Regione Umbria Direzione programmazione, innovazione e competitività dell’Umbria – Ambito di Coordinamento territorio, infrastrutture e mobilita – U.O.D.T. Politiche dei Centri Storici, Via M. Angeloni, 61, 06124 – Perugia. – tel. 075/5045993, fax 075/5045567. Il presente bando verrà a breve pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Umbria (B.U.R.U.) e nella home page del sito istituzionale www.regione.umbria.it alla voce bandi.

Fonte Adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Monti, ecco il decreto Salva Italia

Next Article

Enel, channel manager in azienda

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.