Annullato all'università il convegno sui gay dopo le proteste dei fascisti

Il convegno contro l’omofobia non piace all’estrema destra e il rettore lo annulla. Motivi? “Troppe strumentalizzazioni”. Dopo le protestee dopo i volantini con la scritta “No rifugiati gay a Verona, stop ditattura gender”, il 25 maggio nel dipartimento di Scienze Giuridiche dell’università di Verona non ci sarà la prevista giornata di studio dal titolo “Lgbt: richiedenti asilo, orientamento sessuale e identità di genere”.
A darne notizia è Paolo Berizzi su Repubblica.it, l’appuntamento era stato subito preso di mira dai partiti neofascisti, da Forza Nuova a CasaPound, che avevano definito l’università «ostaggio di potenti lobby lgbt» accusandola di fatto di essere collusa con i trafficanti di esseri umani. Il sillogismo, tipico della narrazione dell’estrema destra e anche della Lega sovranista-nazionalista di Matteo Salvini, è questo: «Immigrazione e terrorismo sono collegati».
Dopo giorni di polemiche, con gli ultrà neofascisti che minacciavano contro-iniziative per impedire il convegno, il rettore Nicola Sartor ha deciso di annullare la giornata di studio. Le motivazioni sono spiegate in una nota ufficiale. «Ho dovuto disporre la sospensione della giornata, rinviando l’approfondimento dei suoi contenuti scientifici a data da destinarsi. L’evento è uscito dall’ambito scientifico per diventare terreno di contrasto e soprattutto di ricerca di visibilità per diversi attivisti di varia estrazione. L’Università non può prestarsi a strumentalizzazioni da parte di soggetti estranei al mondo scientifico». Già, strumentalizzazioni, dice il responsabile dell’ateneo. Di fatto, congelando l’iniziativa, l’università ha ceduto alle pressioni dell’ultradestra veronese, storicamente molto attiva in città. I
l provvedimento del rettore ha suscitato la disapprovazione di chi vedeva nel convegno un’importante occasione di riflessione sul tema dei diritti e dell’immigrazione. Sconcerto e amarezza sono espresse da Laura Pesce, presidente Pianeta Milk ARCI/Arcigay Verona. “Siamo allibiti. Subito dopo la diffusione dell’iniziativa, aperta a studenti, operatori ed operatrici dell’ambito dell’accoglienza e alla cittadinanza tutta, gruppi di estrema destra hanno messo in scena un orribile spettacolo mediatico, rilasciando dichiarazioni gravemente omofobe e razziste, accusando l’università di Verona di essere “stata contaminata, in un colpo solo, dai virus della propaganda filoimmigrazionista e della propaganda gender in un mix culturalmente tossico, che rischia di comprometterne il buon nome” arrivando a minacciare di bloccare l’iniziativa con la forza.
Evidentemente – si legge in un comunicato di Arcigay Verona –  queste intimidazioni hanno avuto l’esito sperato. Le motivazioni fornite dal rettore appaiono come un goffo tentativo di nascondere dietro alla strumentalizzazione la vera ragione dell’annullamento, e cioè la violenza della propaganda dell’estrema destra che a Verona dilaga, a quanto pare incontenibile. L’istituzione accademica che dovrebbe diffondere oltre alla conoscenza i valori universali della democrazia e dell’accoglienza, è stata invece piegata dall’oscurantismo da tempo imperante in questa città”.  Duro anche Pippo Civati, di Possibile: “In un Paese civile un rettore così si dimette”.
A Verona proprio in questi giorni è in pieno svolgimento un calendario di iniziative per ricordare Nicola Tommasoli, il giovane ucciso dieci anni fa in centro da un gruppo di naziskin. Ma tant’è, in città, dove le giunte di destra continuano a tenere sotto la loro ala protettrice i gruppi neofascisti, succede anche che un rettore annulli un convegno perché sgradito ai “camerati”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Spacializzazione Medicina, ecco il test a prova di truffa

Next Article

Mayo cordobes

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.