Anche gli studenti fuori sede dovranno pagare il canone Rai

Gli studenti dovranno pagare il Canone Rai in bolletta? Sembra proprio di sì, compresi i fuori sede. Non ci sono buone notizie in arrivo con il nuovo anno per i tantissimi studenti fuori sede in Italia. Sono diversi i quesiti sorti in questi giorni , e a cui non sembra facile trovare una risposta, proprio perché in materia mancano indicazioni precise e trasparenti.
Tanti stanno decidendo di affidarsi a chi è più esperto: come tre studentesse fuori sede di Roma, che hanno posto la domanda al sito laleggepertutti.it: “Dobbiamo pagare anche noi il canone Rai, anche se non abbiamo acquistato il televisore, che è del proprietario di casa?”. La risposta degli esperti è stata affermativa. “Il canone Rai deve essere pagato dagli studenti, ciascuno per l’intero importo: quindi andranno effettuati tre diversi e autonomi pagamenti. Gli interessati dovranno effettuare il versamento attraverso il tradizionale bollettino postale”, si legge.
E non solo. Chi risponde spiega anche che ogni studente dovrà pagare per intero il canone, utilizzando però il bollettino postale, a meno che qualcuno di loro non sia anche intestatario del contratto di fornitura di energia elettrica. In questo caso riceverà direttamente l’addebito in bolletta. Insomma, poco conta che il televisore non sia di vostra proprietà: quel che conta (purtroppo) è il “possesso” momentaneo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ultimi in Europa: in Italia sono un laureato su due trova lavoro a 3 anni dal titolo

Next Article

Istat: la disoccupazione cala a novembre. Crescono, però, gli inattivi

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".