Amy Winehouse si dà alla moda, in un mix di retrò e punk

Non soddisfatta della sua carriera di cantante Amy Winehouse ha deciso di intraprendere la strada di stilista.

Non soddisfatta della sua carriera di cantante e della sua vita spericolata che è diventata nel tempo una vera miniera di gossip per le testate più indiscrete, Amy Winehouse ha deciso di intraprendere la strada di stilista.
La moretta dalla voce profonda e avvolgente ha, infatti, stretto un accordo con la casa di moda inglese Fred Perry per lanciare una collezione di capi il prossimo autunno. La cantante ha fatto da sempre parlare di sé per la sua personalità molto forte e per le sue scelte spesso estreme e, per quanto riguarda il look, non ha mai tralasciato quel suo stile un po’ retrò fatto di capelli extra-cotonati, abiti da pin up rivisitati in chiave rock e l’immancabile eye-liner nero stile Twiggy.
Come sarà, dunque, la sua linea di moda? La cantante ha già approntato un catalogo di diciassette capi tutti in perfetto stile Winehouse: a metà tra il retrò e il punk, tra il collegiale  stile Oxford e lo “street” stile Carnaby.
Qualche anticipazione? I seguaci di Fred Perry dovranno prepararsi a scuotere il loro look classico – la casa di moda è caratterizzata da linee sobrie e polo – preparandosi a minigonne-kilt abbastanza ridotte e pantaloni a metà gamba con dettagli punk, in mix di rosa e nero che contraddistinguerà immediatamente, appena entrati nel negozio, le creazioni firmate Winehouse.
Le famose polo della casa di moda resterenno, ma Amy le ha ridisegnate tutte col colletto rigorosamente alzato.

Carlotta Balena

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In Viaggio per non dimenticare la Shoah

Next Article

Almalaurea:"stage per combattere la crisi”

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".