Alta tecnologia, accordo Regione-Miur per 349 milioni

La Regione Campania ha firmato con il Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca l’Accordo di programma per la crescita dei Distretti ad alta tecnologia, dei laboratori e delle Aggregazioni pubblico-private

La Regione Campania ha firmato con il Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca l’Accordo di programma per la crescita dei Distretti ad alta tecnologia, dei laboratori e delle Aggregazioni pubblico-private per il rafforzamento del potenziale scientifico e tecnologico della Regione.

Con questo accordo vengono stanziati 349 milioni di euro.

La Campania è la prima tra le Regioni della convergenza per risorse finanziare destinate dal MIUR e progetti approvati.

Obiettivi dell’accordo sono: lo sviluppo ed il potenziamento dei Distretti ad alta tecnologia e dei laboratori pubblico-privati già esistenti nella Regione, dando attuazione a specifici progetti di ricerca, sviluppo e formazione, caratterizzati da un forte riferimento all’impiego di tecnologie trasversali (non riferite ad un unico settore); la creazione di nuovi Distretti ad Alta Tecnologia e nuove Aggregazioni pubblico private con spiccata vocazione internazionale, con significativo interesse per il sistema delle imprese ed elevato impatto economico sul territorio di riferimento, e con la specifica finalità di aggregare una pluralità di soggetti (pubblici e privati) nell’ambito di medesimi obiettivi di ricerca e sviluppo.

I Distretti rappresentano la vera azione di sistema che si realizza nell’ ambito della ricerca e dell’innovazione”, ha dichiarato l’assessore alla Ricerca e all’Innovazione Guido Trombetti.

“La loro natura è quella di essere realtà stabili per il territorio, non legate alla sola progettazione di ricerca ma capaci di spinta e propulsione autonome”, ha proseguito l’assessore.

“L’obiettivo è realizzare in Campania veri e propri centri tecnologici di caratura nazionale. I distretti sono chiamati a costruire sistemi integrati e coerenti di ricerca, innovazione e formazione e fungere da propulsori della crescita economica sostenibile”.

La Campania fino ad oggi ha risposto egregiamente a tutti i processi di inseminazione nel settore dell’innovazione. La presenza sul territorio regionale di importanti strutture per il trasferimento tecnologico dimostra che abbiamo risposto ad una forte domanda da parte del sistema economico. Domanda di innovazione che ora abbiamo messo a sistema”, ha concluso l’assessore Trombetti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio per universitari milanesi

Next Article

Scuola, 21mila posti per i precari Pantaleo: ora pensiamo al personale Ata

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".