All’università la reputazione si ripulisce on line

Un metodo per ripulire la propria reputazione on line da informazioni sconvenienti ed “errori” del passato e cercare serenamente lavoro dopo la laurea senza che Google “macchi” il curriculum. E’ quanto si sta promuovendo in numerosi college statunitensi – riporta il sito Phys.org – che aiutano i neolaureati a controllare le informazioni personali che circolano sul web per evitare che trascorsi sconvenienti possano ostacolare la carriera o alterare l’idea degli studenti agli occhi dei futuri datori di lavoro. Tra le universita’ promotrici dell’iniziativa c’e’ quella di Syracuse, nello Stato di New York.

L’Universita’ di Syracuse fornisce un sistema on line che permette di elaborare un curriculum vitae a prova di Google e del passato, indirizzando il motore di ricerca piu’ cliccato al mondo direttamente a una pagina profilo che l’utente aggiorna con le informazioni e le fotografie piu’ attuali e gradite. I sistemi per ripulire la reputazione on line si stanno diffondendo negli atenei statunitensi dopo che numerosi studi hanno dimostrato che i datori di lavoro tendono a verificare il curriculum e l’identita’ dei candidati a un’occupazione su Google.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Don Corsi non lascia la Chiesa, anzi augura un incidente ad una cronista

Next Article

Balotelli querela Raffaella Fico: "ora basta accuse"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.