Allievi direttori per Esselunga

Esselunga, azienda operante nella grande distribuzione offre a brillanti giovani diplomati o laureati l’occasione di un percorso formativo e professionale, finalizzato al raggiungimento di diverse posizioni di responsabilità all’interno dei punti vendita.
Dal primo grado di responsabilità, quello dell’Assistente di Reparto, a quello successivo di Capo Reparto, fino al raggiungimento, per i più meritevoli, della posizione di Direttore di Punto Vendita.
Il percorso iniziale di formazione coinvolge gli allievi in modo continuo e costante in attività d’aula e di negozio e prevede la possibilità di raggiungere la posizione di Assistente di Reparto già dopo 6 mesi dall’assunzione. La formazione d’aula è finalizzata all’acquisizione delle principali conoscenze di base proprie della mansione. La formazione pratica è finalizzata all’acquisizione delle principali procedure di lavoro.
Il programma prosegue poi negli anni successivi. Per aspirare ai ruoli direttivi dei punti vendita occorrono: disciplina, passione, resistenza alla fatica, saper lavorare per obiettivi, possedere doti di leadership, attitudine al lavoro di gruppo e dinamismo. Le sedi di lavoro previste sono: Milano, Pavia, Lodi, Como, Lecco, Bergamo, Brescia, Varese.
Gli interessati possono inviare la propria candidatura direttamente dal sito www.esselunga.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Borse di studio esclusive al QS World Grad School Tour

Next Article

Neoeconomisti a Como per stage nel settore finance

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.