Agenda digitale, se ne discute sul web

La strategia digitale in Italia la decidono i cittadini. Così sembra pensarla il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo che, dopo la consultazione on line sul valore legale del titolo di studio, ha deciso di ricorrere ancora una volta al metodo “partecipativo”. L’idea lanciata sul sito del Miur riguarda l’Agenda Digitale, sulla quale si dovrebbe sviluppare una discussione virtuale sulle azioni da intraprendere in Italia.

La discussione è aperta a tutti i cittadini, imprese e organizzazioni della società civile che intendano proporre delle idee alle istituzioni impegnate nella definizione dell’Agenda Digitale Italiana. Oltre a inviare le proprie idee, ogni partecipante potrà discutere le proposte di altri e votarle con lo scopo di esprimere il proprio consenso.

La discussione ha luogo su una piattaforma dedicata

Come funziona
Ci sono tre fasi:
1) I cittadini inviano le loro idee
2) La comunità discute e vota le idee migliori
3) Le idee più votate salgono in cima alla lista: diventano più visibili e acquistano maggior valore all’interno della piattaforma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Aquila, rettore decaduto ma Profumo proroga l'incarico

Next Article

Unisob, le testimonianze di laureati eccellenti

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"