A Pavia contestato Formigoni: “Quei soldi potevano andare agli studenti”

Formigoni

L’ Unione degli Universitari ha contestato l’ex Governatore della Lombardia Roberto Formigoni, presente a Pavia ad un convegno insieme all’ ex assessore della sanità lombarda Mario Melazzini.

Gli studenti durante l’iniziativa hanno alzato un cartello con scritto “Sai quante borse di studio potevamo avere con i soldi dello scandalo Maugeri?” il rifermento ovviamente è allo scandalo della clinica pavese, che ha coinvolto l’ex Governatore lombardo.

Il segretario dell’Udu Pavia Alessandro Lucia commenta così: “Ci chiediamo come faccia Formigoni a trovare il coraggio di mettere piede nella nostra città dopo l’inchiesta che lo ha investito sullo scandalo Maugeri. Non solo: si presenta con l’ex assessore alla sanità Melazzini ad un’iniziativa prevista all’interno dell’ospedale pavese San Matteo, un affronto a tutta la città. E’ uno scandalo”.

Conclude Alessandro Lucia: “Per questa ragione abbiamo organizzato la protesta di oggi: non poteva passare inosservata questa manca di rispetto verso tutta la cittadinanza tra l’altro a soli quattro giorni dal voto. Speriamo che la Lombardia da settimana prossima cambi definitivamente pagina, e che- come abbia scritto sullo striscione- possa ripartire dalle borse di studio e dai giovani e da noi studenti. Le cifre lasciate all’illegalità e al malaffare sono soldi sottratti al presente di tanti studenti e quindi al futuro dei giovani della nostra regione e del nostro Paese”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lila contro i candidati leader: "Nessuna iniziativa contro l'HIV"

Next Article

Numero chiuso, Profumo annuncia test preliminare in primavera

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.