A Mosca la prima scuola al mondo per insegnare sesso

Apre i battenti a Mosca la prima scuola al mondo per insegnare il sesso. Anche quello orale. La psicologa e sessuologa russa Catherine Lyubimov l’ha aperta per spiegare alle donne, dalle più giovani a quelle più adulte, come conquistare e tenersi stretto il proprio uomo. A letto, e non solo.

“Penso che il sesso sia l’arte numero uno – sostiene Catherine – Ogni donna a letto può essere sia l’attrice che la regista delle fantasie più profonde del proprio partner. E se è capace di essere sciolta nelle varie tecniche sessuali, il successo agli occhi del suo uomo è garantito”.

Le lezioni si svolgono tre volte alla settimana: ovviamente non solo teoria, ma tanta pratica. Con esperimentazioni che fanno un po’ sorridere. Fortunatamente nessuna prova con “elementi” di sesso maschile.Saranno utilizzati nella scuola solo banane e sex toys di forma fallica. Il primo corso (e l’unico che possa essere fotografato) è dedicato al sesso orale, approfondito nella nostra fotogallery. Per le altre lezioni, usiamo un po’ di immaginazione.

Solo pochi mesi fa aveva inaugurato i suoi corsi anche la AISOS, la prima scuola al mondo del sesso pratico, a Vienna. Con corsi che spaziano dalla storia alla moderna teoria sessuale, con l’obiettivo di divenire un amante migliore. Posizioni sessuali, tecniche carezzevoli, caratteristiche anatomiche: queste alcune delle discipline AISOS.

Qui la tassa per un semestre è 1.400 €. Il prezzo comprende un letto in camera doppia, tre pasti al giorno dal lunedi al venerdì e una caffetteria self-service in sede. Durante il weekend ci saranno altri pasti, si presume a pagamento, e la possibilità di accedere alla cucina e di utilizzarla per il soddisfacimento dei propri bisogni. Alimentari. Per chi volesse invece una camera singola, 500 € in più. Non solo lezioni in aula, ma anche animazione e serate musicali, film e attività sportive. E la scuola può prestare addirittura biciclette per“esercizi ed escursioni”.  Si sa, è importante rimanere in forma in questa scuola…

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricercatori e professori di università ed enti di ricerca: via libera allo scambio

Next Article

Formazione, territorio, riorganizzazione: la ricetta per salvare il sistema sanitario italiano

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"