La Rassegna stampa di mercoledì 22 aprile

Gli emendamenti presentati in commissione parlamentare al DDL La buona Scuola prendono la prima pagina della Rassegna: il quotidiano La Repubblica riporta alcuni dei punti essenziali e in particolare le proposte per ridurre i poteri da attribuire ai dirigenti scolastici.
La Stampa.it segnala il rinvio della costituzione di una anagrafe dell’edilizia scolastica, progetto connesso all’iniziativa del Miur e al piano per la riqualificazione dei plessi scolastici.
Ancora Repubblica riporta il caso di una preside romana rea di aver coperto atti di bullismo nel suo istituto che rischia ora una dura sanzione.
E infine, ancora Repubblica, la paura di crolli e incidenti nelle aule delle scuole liguri che ha portato alla chiusura preventiva di 6 istituti a San Remo
Leggi e scarica la Rassegna stampa di mercoledì 22 aprile

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giuseppe, tornare sui banchi di scuola a 86 anni

Next Article

Mattarella ai giovani: "Leggere per essere liberi e diventare cittadini del mondo"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).