"5 in condotta", Gelmini contestata

iononcisto.jpgChi l’avrebbe mai detto. Per Mariastella Gelmini quella di ieri pomeriggio a Milano sembrava un’uscita pubblica rilassata, a rischio pressoché zero: era in programma un suo intervento alla presentazione del libro di Mario Giordano “5 in condotta” presso il Mondadori Multicenter di Piazza Duomo, alla presenza anche del presidente di Mediaset Fedele Confalonieri. Insomma: giocando “in casa” la titolare del Miur non pensava di trovare una platea così “ostile”. Le contestazioni – copiose e sonore – hanno invece costretto gli organizzatori a far saltare l’incontro.
Al grido di “Vergogna, vergogna”, distribuendo volantini/pagella con tutti “0” per il ministro e sventolando bandiere con su scritto “Vogliono distruggere la scuola pubblica, io non ci sto!”, alcuni esponenti dell’Assemblea delle scuole del milanese hanno protestato vibratamente contro la Gelmini (guarda il video).
Inutilmente il direttore de “Il Giornale” ha cercato di zittire i contestatori, senza riuscirvi. Mentre scandivano lo slogan “A casa, a casa”, la Gelmini è sbottata: «Complimenti, siete veramente democratici. Avete particolarmente a cuore la scuola pubblica. Meglio per me».
Il clima in sala si surriscaldava di minuto in minuto, tanto che gli organizzatori prendevano atto dell’impossibilità di proseguire con la presentazione del libro (edito da Mondadori) e il ministro Gelmini abbandonava frettolosamente il parterre dei relatori.
«Impedire, in un Paese democratico, che si svolga la presentazione di un libro dà il senso dell’intolleranza e della prepotenza di chi vuole lasciare la scuola così com’è, opponendosi al cambiamento». Questa la piccata dichiarazione rilasciata dal ministro di Istruzione, Università e Ricerca dopo aver subito le contestazioni.
«E ‘5 in condotta’ di Mario Giordano – ha aggiunto il ministro – contiene scomode verità su una scuola agli ultimi posti nelle classifiche internazionali, diventata nel tempo un ammortizzatore sociale dove si è badato ad aumentare il numero dei dipendenti invece che alla qualità. Nessuno potrà mai impedirmi di raccontare come stanno le cose».
Gli esponenti dell’Assemblea delle scuole del milanese, dal canto loro, sono pronti a contestare il ministro Gelmini ogni volta che se ne presenterà occasione. «Ci facciamo un punto d’onore – ha detto Paolo Limonta, un insegnante di ruolo – di accogliere la Gelmini ogni volta che viene a Milano per dire che non ci stancheremo di protestare. Faremo di tutto per sventare la riforma e fare in modo che non sia applicata. Saremo dappertutto».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Segreti del cosmo, Italia in prima fila

Next Article

Selezioni aperte per il Sicilia Outlet Village

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.