26 anni, si uccide perché non trovava lavoro

suicida a 26 anni

26 anni si uccide perché senza lavoro  Uccidersi per la disperazione di non trovare un lavoro, di non essere piu’ indipendenti economicamente. E’ sotto l’inquietante ombra della disperazione per la disoccupazione che ieri mattina, in Brianza, si e’ tolto la vita un giovane di 26 anni. Il giovane si e’ sparato in casa dei genitori, con cui viveva, a Meda (Monza e Brianza).

Secondo quanto riferito da alcuni parenti (che al momento del suicidio non erano nell’appartamento) alla base del terribile gesto ci sarebbe, ancora una volta, la crisi economica e quella personale di un giovane che non sopportava piu’ di sentirsi un fallito, di non riuscire a trovare un lavoro, di mantenersi. Il particolare e’ emerso dai famigliari, che lo vedevano da tempo molto preoccupato e depresso, cioe’ da quando aveva smesso di lavorare come muratore senza piu’ riuscire a trovare una nuova occupazione. I carabinieri, giunti sul posto, in via Milano, avvisati dai genitori, intorno alle 12, stanno vagliando alcuni suoi scritti, in particolare due lettere, ma non hanno ancora certezze su cosa lo abbia spinto al gesto.

Di certo, verso le 11, c’e’ che i genitori, rientrando a casa e non vedendolo alzato, hanno sfondato la porta della sua camera trovandolo privo di vita con una pistola a fianco. Al momento non e’ chiaro come se la sia procurata, ma e’ probabile che pensasse al suicidio da qualche tempo. Da molto infatti continuava a ripetere di “non riuscire a trovare niente” e di “non avere nemmeno i soldi per le sigarette”. Il settore dell’edilizia e’ uno di quelli che sono stati piu’ penalizzati dalla crisi a livello occupazionale, con moltissime aziende chiuse. ”E’ una vergogna, questo ragazzo aveva sempre lavorato, era abituato ad avere responsabilita’ e a mantenersi – dice con rabbia Giuseppe Neletti, lo zio, a sua volta imprenditore edile salito tempo fa agli onori delle cronache per aver malmenato due emissari di Equitalia nel Lodigiano – adesso si lamentava con la sorella che non aveva piu’ nemmeno i soldi per comparsi le sigarette. Questo Stato e’ incapace”.

”Ma quale Expo – gli fa eco un altro parente – tanti milioni di euro spesi e qui non si lavora, le aziende che prendono i subappalti sono tutte dello stesso giro e gli operai vengono dal sud o da fuori, pagati in nero. Quali controlli? E cosa deve fare un ragazzo che cerca un lavoro onesto?”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iuss Pavia, oggi la consegna dei diplomi a 52 studenti

Next Article

Passioni, hobbies e interessi arricchiscono i curricula

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.