1.500 euro per tesi “Carnevalesche”

La Federazione Italiana Carnevali con sede a Fano, al fine di stimolare la ricerca e promuovere la riflessione e gli studi sulla materia del Carnevale, delle sue origini e dell’evoluzione delle manifestazioni carnevalesche attraverso i secoli, ha indetto un concorso per l’assegnazione di un premio di laurea del valore di 1.500 euro.
Il premio intende ricordare la figura integerrima di Roberto Mei, Socio fondatore e Presidente onorario della Federazione, e verrà assegnato alla migliore tesi di laurea di secondo livello svolta in modo esplicito e diretto all’approfondimento di tematiche sul Carnevale. Sono ammessi a partecipare al concorso i laureati di tutte le Università che abbiano discusso la tesi negli Anni Accademici 2006/2007 e 2007/2008. Le tesi di laurea dovranno pervenire in un unico esemplare su carta e su cd-rom o dvd: il materiale presentato rimarrà acquisito dalla Federazione Italiana Carnevali. Ogni eventuale pubblicazione del materiale sarà concordata con l’autore della tesi.
I candidati che intendono partecipare al concorso dovranno inviare alla Federazione Italiana Carnevali, entro il 31 dicembre 2008, la domanda di partecipazione redatta in carta libera recante i dati anagrafici e il titolo del lavoro, e il testo integrale della tesi. La spedizione si dovrà effettuare all’indirizzo Federazione Italiana Carnevali, via Eritrea 6, 13100 Vercelli. Il bando completo e il fac-simile per la domanda di partecipazione sono disponibili sul sito www.carnevalitalia.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Relux, un'idea brillante da Unimore

Next Article

Trombetti, addio CRUI

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).
Leggi di più

Ingegneria industriale, Medicina e Farmacia: ecco la lauree che fanno guadagnare di più. Male Psicologia e Scienze della formazione

Secondo il 24esimo rapporto di AlmaLaurea ci sono sostanziali differenze nel livello degli stipendi tra laureati: soprattutto per chi ha scelto un percorso di studio in ambito ITC e nuove tecnologie la retribuzione sfiora i 1900 euro al mese mentre i laureati in ambito umanistico guadagnano in media 500 euro in meno.