Premio delle Arti : giovani artisti italiani

Il Premio Nazionale delle Arti di Napoli 2009-2010 presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli e rivolto a studenti e artisti di tutta Italia.

L’Accademia di Belle Arti di Napoli riceve centinaia di ospiti nella sua sede via Costantinopoli in occasione del Premio Nazionale delle Arti 2009-2010.
Giovedì, 17 giugno alle ore 17.00, sono attesi studenti e artisti da ogni parte di Italia. Il Direttore Giovanna Cassese e il Presidente Sergio Sciarelli (nella foto) accoglieranno nella splendida struttura la settima edizione della nota manifestazione artistica. Durante il pomeriggio sono previsti gli interventi del Direttore generale Miur – Afam Giorgio Bruno Civello, l’Assessore all’università Guido Trombetti, il Presidente del Consiglio nazionale Miur – Afam Giuseppe Furlanis e il Direttore del MAXXXI Arte di Roma nonché Presidente della Commissione per l’assegnazione del Premio, Anna Mattirolo.
Il programma della giornata spazia dalla proclamazione del vincitore del Premio alle ore 17.00 continuando con mostre in Galleria e in Gipsoteca fino a concludersi con un concerto degli allievi del Conservatorio di San Pietro a Majella sotto la guida del Direttore Paolo Addesso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un futuro rimborsabile

Next Article

Occupazione del rettorato di Unipa

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.