Vela, Uni Trieste sul podio della 1001VELAcup

Il presidente Paperini: “Vogliamo costuire la prima imbarcazione riciclabile e autosostenibile, con un sistema di raccolta plastica”

L’Università di Trieste si è aggiudicata la quattordicesima edizione del Trofeo 1001VELAcup, la regata internazionale che ha visto sfidarsi sul campo di regata di Mondello imbarcazioni a vela progettate, costruite e condotte dagli studenti universitari. Ad organizzare la manifestazione è stata l’Associazione 1001VELACup in collaborazione con l’Università di Palermo e il Circolo della Vela Sicilia con il contributo della Fondazione Sicilia.

Sul podio la squadra della Ita 934 dell’ateneo triestino, secondo posto per Ita 38 del Politecnico di Torino. Brono, invece, per gli studenti dell’Università di Padova. “Il bilancio della manifestazione è positivo – dice il presidente dell’Associazione 1001VELAcup Massimo Paperini – nonostante un anno di stop per la pandemia, la manifestazione è in continua crescita. Abbiamo avuto un solo equipaggio straniero, i tedeschi dell‘Università di Karlsruhe, ma abbiamo già l’impegno da parte di un altro ateneo tedesco e di un’università svedese per la partecipazione alla prossima edizione. Abbiamo aperto ai foil con tre barche che li hanno montati, ma purtroppo le condizioni meteo marine, che sono state comunque ideali per le regate, non hanno permesso di sfruttarli in pieno”.
   

“In vista delle prossime edizioni – conclude il presidente – vogliamo lanciare due sfide legate all’ambiente e alla sostenibilità: la prima è quella di trasformare il lavoro individuale in una sinergia per creare un consorzio e costruire insieme la prima imbarcazione interamente riciclabile e autosostenibile dal punto di vista energetico; la seconda è quella di dotare le barche di un sistema per la raccolta della plastica in mare”.

Leggi anche:

Total
64
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Va poco a scuola ma ha voti eccellenti: TAR del Lazio annulla la bocciatura di uno studente

Next Article

Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale